Blocco da questo lunedì del trasporto di merci nelle Isole Canarie

Blocco da questo lunedì del trasporto di merci nelle Isole Canarie

Se niente cambia, e tutto indica che sarà così, domani, lunedì, gli imprenditori dei trasporti delle Isole Canarie avvieranno uno sciopero a tempo indeterminato, per chiedere una regolamentazione dell'uso del tachigrafo che si adatti alla realtà dell'Arcipelago. Quindi i camion non lasceranno le loro rimesse. In linea di principio, come ha spiegato il presidente della Federazione degli imprenditori dei trasporti (FET), José Agustín Espino , non ci sarà concentrazione o fila di camion sull'autostrada. La piattaforma si concentrerà sulle banchine in attesa dell'andamento degli eventi e dell'incontro con il Presidente del Governo delle Isole Canarie, Ángel Víctor Torres, e il Ministro dei Trasporti, Sebastián Franquis, che si svolgerà a mezzogiorno.

Questo incontro è l'ultima cartuccia dell'Esecutivo per evitare che la serrata diventi a tempo indeterminato e provochi un vero e proprio dramma nelle Isole con la distribuzione e la fornitura di merci. "Speriamo che il governo faccia una mossa", ha detto Espino.

Ma per capire questo sciopero a tempo indeterminato, bisogna spiegare perché è stato indetto. Il motivo principale è il tachigrafo . I tachigrafi sono dispositivi utilizzati per controllare e far rispettare le norme sulle ore di guida dei vettori. Questi dispositivi possono registrare aspetti come i tempi di guida, la velocità o la distanza percorsa, tra le altre cose. Il suo utilizzo è obbligatorio su tutto il territorio europeo. Come previsto dal Regolamento CE 561/2006, i veicoli commerciali devono essere muniti di tachigrafo quando la massa massima autorizzata è superiore a 3,5 tonnellate, compreso l'eventuale rimorchio o semirimorchio.

Tuttavia, il pacchetto mobilità dell'Unione europea consente ai veicoli di trasporto su isole di 2.300 chilometri quadrati o meno di fare a meno del tachigrafo. Il governo spagnolo applica questa eccezione solo nelle città di Ceuta e Melilla, escludendo gli arcipelaghi delle Canarie e delle Baleari. E resta inteso che i viaggi nelle Isole non saranno mai lunghi come nel territorio continentale.

Detto questo, quando il tachigrafo è arrivato alle Isole Canarie nel 2010, gli imprenditori si sono concessi un anno di prova e, secondo Espino, è stato dimostrato che la sua applicazione nelle Isole era un "vero disastro" . “Per questo abbiamo chiesto di essere esonerati dal suo utilizzo e nel 2012 stavamo per ottenerlo. Avevamo concordato un accordo con Madrid, ma sono arrivate le elezioni e tutto è rimasto in sospeso”, ha spiegato.

Ciò che i vettori chiedono è che il tachigrafo sia modulato per adattarsi alle circostanze delle Isole Canarie perché ritengono che il suo uso obbligatorio nelle Isole, a causa della sua area molto ridotta, generi difficoltà burocratiche e investimenti inutili che non sono giustificati dall'esistenza di problemi o di mancato rispetto delle pause, poiché le distanze percorse sono brevi e, quindi, i tempi di guida sono molto limitati. In tal senso hanno messo sul tavolo una proposta per l'uso esclusivo del tachigrafo come elemento di controllo della giornata lavorativa, come richiesto dai sindacati. "Si può fare ed è legale", ha detto Espino, "ma hanno rifiutato categoricamente".

Da parte loro, i rappresentanti di CC.OO., UGT e Intersindical Canaria respingono un tachigrafo “à la carte” e insistono sul fatto che rimuoverlo o modificare il regime sanzionatorio sta dando ai datori di lavoro un “pass gratuito” per violare i diritti dei lavoratori.

Va ricordato che i tachigrafi sono a carico dell'azienda, quindi tutte le sanzioni legate a questo strumento ricadono sull'azienda stessa. Sono gli stessi imprenditori a denunciare di essere passibili di multe da 1.000 a 4.001 euro, il più delle volte, per “errori involontari”. Espino ha spiegato che un tachigrafo viene “manipolato” molte volte durante la giornata e in quella manipolazione “si commettono errori; che sono involontarie, ma che costano all'azienda”. E citava: “Una volta un operaio si è dimenticato di spegnere il tachigrafo quando è arrivato in officina ed è stato attivo tutto il fine settimana, quindi quel camion non può partire lunedì perché se lo fermano gli fanno la multa; Oppure è anche capitato, come capita tante volte a tutti noi, di aver sbagliato data.

Torna al blog
  • Calima anche questo giovedì e temperature sino a 34° a Tenerife

    Calima anche questo giovedì e temperature sino ...

    La calima in quota persisterà questo giovedì nelle Isole Canarie, dove le temperature massime raggiungeranno nuovamente i 38º C nelle cime e nelle zone centrali del sud di Gran Canaria...

    Calima anche questo giovedì e temperature sino ...

    La calima in quota persisterà questo giovedì nelle Isole Canarie, dove le temperature massime raggiungeranno nuovamente i 38º C nelle cime e nelle zone centrali del sud di Gran Canaria...

  • Calima anche questo giovedì e temperature sino i 34° a Tenerife

    Calima anche questo giovedì e temperature sino ...

    La calima in quota persisterà questo giovedì nelle Isole Canarie, dove le temperature massime raggiungeranno nuovamente i 38º C nelle cime e nelle zone centrali del sud di Gran Canaria...

    Calima anche questo giovedì e temperature sino ...

    La calima in quota persisterà questo giovedì nelle Isole Canarie, dove le temperature massime raggiungeranno nuovamente i 38º C nelle cime e nelle zone centrali del sud di Gran Canaria...

  • Domani Guía de Isora ospiterà il festival dell'hamburger Isora Gourmet

    Domani Guía de Isora ospiterà il festival dell'...

    Questo venerdì 26 luglio , la Plaza de Garachico di Guía de Isora diventerà l'epicentro della gastronomia con la celebrazione dell' “Isora Gourmet” , un festival di hamburger che promette di essere un evento imperdibile per gli amanti...

    Domani Guía de Isora ospiterà il festival dell'...

    Questo venerdì 26 luglio , la Plaza de Garachico di Guía de Isora diventerà l'epicentro della gastronomia con la celebrazione dell' “Isora Gourmet” , un festival di hamburger che promette di essere un evento imperdibile per gli amanti...

1 su 3