Dopo nove giorni l'incendio di Tenerife si è stabilizzato

Dopo nove giorni l'incendio di Tenerife si è stabilizzato

"L' incendio che ha colpito 12 comuni di Tenerife a partire dalle 23:36 di martedì della scorsa settimana è considerato stabilizzato." La decisione viene adottata dopo 48 ore senza che l'incendio abbia superato il perimetro di 90 chilometri e i 14.750 ettari interessati. Dopo nove giorni senza controllo, i 237 residenti ancora sfrattati – dei quasi 13.000 evacuati insieme a 400 animali da compagnia – sono tornati alle loro case. Solo la parte di Las Lagunetas (El Sauzal) e la parte alta di Izaña (La Orotava) sono ancora evacuate, secondo la decisione delle direzioni di Estinzione e Tecnica di Emergenza.

Fernando Clavijo, presidente del Governo delle Isole Canarie, sperava di "dare il colpo finale" questa settimana a un incendio che rimane al livello 2 e sotto la gestione del Governo delle Isole Canarie. Ha annunciato che ci saranno riattivazioni, "ma abbiamo i mezzi per agire" poiché, anche se inizia la riduzione delle risorse, rimane attiva.                                                                                       

 Nella notte, infatti, sono stati 115 i militari al lavoro per spegnere l'incendio e oggi lo faranno 195 nella squadra d'intervento, a cui si aggiungono 15 mezzi aerei e un coordinamento in più (uno in meno rispetto a ieri). Tra loro ci sono tre idrovolanti (due in meno rispetto a ieri) e il Kamov, secondo i dati forniti da Montse Román, responsabile tecnico della Protezione civile del Governo delle Isole Canarie.

Prudenza e collaborazione sono state le parole che Clavijo ha trasmesso al pubblico, tenendo conto che il Cabildo apre la strada al Parco Nazionale del Teide da sud al traffico, il che facilita l'accesso al Parador Nacional e alla Funivia. Restano invece chiuse la TF-24 (La Esperanza-El Rosario), la TF-21 (La Orotava) e la TF-523 (Carretera de Los Loros).

Un'altra informazione positiva lasciata dal nono giorno dell'incendio è stata il miglioramento della qualità dell'aria. I comuni di La Orotava e Los Realejos sono quelli con il livello più sfavorevole, mentre Arafo e Candelaria mostrano un notevole miglioramento. Si raccomanda alla popolazione di continuare ad utilizzare la maschera FPP2 e di chiudere le finestre. Nei restanti otto che completano la dozzina colpita (Fasnia, Güímar, El Rosario, Tacoronte, El Sauzal, La Matanza de Acentejo, La Victoria de Acentejo e Santa Úrsula) la situazione è tornata alla normalità.

il rischio rimane

"I 12 comuni sono ancora al livello 3 di rischio incendio", ha precisato la presidente del Cabildo de Tenerife, Rosa Dávila. Il resto è al livello 2. "Questo incendio sarà studiato a lungo", ha dichiarato prima di annunciare l'inizio dell'allentamento delle misure in vigore da mercoledì della scorsa settimana. Egli ha avvertito che l'Agenzia meteorologica statale (Aemet) mantiene l'allerta gialla per le alte temperature (oggi sono attesi fino a 34 gradi nella zona interessata dall'incendio) e ha sottolineato che la popolazione deve evitare di salire sulla montagna e di transitare nelle zone che potrebbero ostacolare l’azione dell’operazione di estinzione.

Pedro Martínez, responsabile tecnico del Rischio Forestale del Cabildo, ha sottolineato l'importanza della foresta verde nell'operazione di estinzione, che "può richiedere molto tempo", anche mesi, e ha annunciato che si sta cominciando ad "allentare i turni del personale", il cui mancato riposo (pur rispettando il termine legale stabilito, l'adrenalina lo ha reso impossibile in molti casi) è stato indicato come causa di tre incidenti “senza conseguenze”.

Guimar

Ieri nella tarda serata, il sindaco di Güimarero, Gustavo Pérez, ha riferito che "confermano che il poco che sta bruciando in questo momento si trova al di sopra di ciò che è già stato bruciato". Cioè a Las Dehesas, Los Pelados e Anocheza. L'assessore ha precisato che “si tratta di piccole aree che non hanno bruciato e che, in certi momenti, prendono fuoco all'interno degli stessi appezzamenti bruciati. Questo potrebbe essere un tonico nei prossimi giorni e manterremo i servizi di sorveglianza.

Ieri gli interventi di spegnimento dell'incendio boschivo a Tenerife si sono concentrati sulla distruzione delle zone di La Hornaca e Montaña El Cerro, a Tacoronte, dove si trovano case molto vicine alla linea del fuoco; Mal Abrigo, a Güímar, dove l'incendio resisteva in una zona brusca, e a Barranco Hondo, a Candelaria, una fascia in cui si sono verificate precedenti riattivazioni significative. Allo stesso modo, il dispositivo terrestre ha concentrato i suoi sforzi sull’attacco ai numerosi punti caldi rimasti nel resto dell’area colpita.

Torna al blog
  • Costa del Silencio proposte soluzioni al degrado del Paseo Marítimo

    Costa del Silencio proposte soluzioni al degrad...

    I residenti di Costa del Silenzio nel comune di Arona denunciano lo stato attuale preoccupante del Paseo Marítimo de Costa del Silencio . Il lungomare, uno dei gioielli turistici della zona, comincia a mostrare...

    Costa del Silencio proposte soluzioni al degrad...

    I residenti di Costa del Silenzio nel comune di Arona denunciano lo stato attuale preoccupante del Paseo Marítimo de Costa del Silencio . Il lungomare, uno dei gioielli turistici della zona, comincia a mostrare...

  • Grazie a Sánchez si decuplicano gli "Okupas" stranieri

    Grazie a Sánchez si decuplicano gli "Okupas" st...

    I reati di usurpazione e violazione di proprietà commessi da stranieri hanno avuto un aumento allarmante dal 2018 , raggiungendo cifre che hanno già superato i 4.000 casi nel 2023. Si nota...

    Grazie a Sánchez si decuplicano gli "Okupas" st...

    I reati di usurpazione e violazione di proprietà commessi da stranieri hanno avuto un aumento allarmante dal 2018 , raggiungendo cifre che hanno già superato i 4.000 casi nel 2023. Si nota...

  • Feste patronali di Granadilla de Abona iniziano questo venerdì

    Feste patronali di Granadilla de Abona iniziano...

    Granadilla de Abona si prepara ad iniziare le Feste Patrone del 2024 in onore di Sant'Antonio di Padova e di Nuestra Señora del Rosario . La programmazione degli eventi, guidata dall'Assessorato alla Cultura e Festival diretto da Francisco...

    Feste patronali di Granadilla de Abona iniziano...

    Granadilla de Abona si prepara ad iniziare le Feste Patrone del 2024 in onore di Sant'Antonio di Padova e di Nuestra Señora del Rosario . La programmazione degli eventi, guidata dall'Assessorato alla Cultura e Festival diretto da Francisco...

1 su 3