Immondizia galleggiante nelle aree protette di Gran Canaria e Tenerife

Immondizia galleggiante nelle aree protette di Gran Canaria e Tenerife

A sud-ovest di Gran Canaria e Tenerife, precisamente nelle fasce marine di alto valore ecologico di Mogán e Teno Rasca, si trovano diverse file di immondizia che raggiungono lunghezze chilometriche .

Queste zone di

Alla luce di questa scoperta, gli scienziati avvertono della necessità di intervenire su queste linee di immondizia galleggiante situate in un'area di particolare valore ecologico in un articolo pubblicato sulla rivista "Marine Pollution Bulletin" , il cui autore principale è Álex Campillo.

"L'incontro con queste linee è stato accidentale", spiega Alicia Herrera, coautrice del lavoro e ricercatrice del Gruppo Eomar dell'IU-Ecoaqua dell'ULPGC, che sottolinea che la lunghezza e la larghezza totale delle file di detriti marini sono sconosciuti, anche se, sospettano, che uno di quelli rilevati a sud di Gran Canaria potrebbe raggiungere i due chilometri di lunghezza .

"Sono visibili ad occhio nudo. Da lontano sembra una linea di schiuma bianca. I pescatori le conoscono e le chiamano 'linee alla deriva' ”, puntualizza il ricercatore.

In totale sono state localizzate tre aree di linee di immondizia, due a sud di Gran Canaria, e una terza, a sud di Tenerife, precisamente nelle aree di conservazione speciale di Mogán e Rasca-Teno, protette per la loro ricchezza ecologica .

"È un vero peccato. A sud di Tenerife c'è un'importante popolazione di globicefali, molte tartarughe e cetacei ed è lì che si possono vedere le file di immondizia”, commenta Herrera, che sottolinea la minaccia che queste strisce di immondizia rappresentano per la fauna marina.

alimentatori mortali

«Oltre alla spazzatura, queste file accumulano plancton, e le foglie di seba e le tartarughe vanno lì a mangiare . Proprio come tanti organismi che vanno per larve di pesce e finiscono impigliati”, lamenta il biologo e dottore in oceanografia.

Nel loro primo incontro con queste strisce, in cui sono state rilevate quantità di immondizia maggiori rispetto al resto del campionamento effettuato in 15 punti tra La Graciosa e La Gomera, gli scienziati hanno confermato il loro brutale impatto sulla fauna. « Abbiamo trovato diverse tartarughe impigliate. Siamo riusciti a salvarne uno e altri erano già morti", sottolinea Herrera.

Ora, gli scienziati stanno valutando progetti futuri per rilevare e monitorare queste linee con immagini satellitari per poter intervenire su di esse. "Se hai un'area specifica delimitata, puoi concentrare i tuoi sforzi lì sulla pulizia e sul salvataggio della fauna marina ", sottolinea il biologo a proposito di queste aree, che, secondo alcuni studi, accumulano il 90% di tutti i rifiuti marini.

accumulano larve di pesci e resti di alghe; cibo che attira numerosi esemplari di fauna marina con il rischio di rimanere intrappolati tra reti e plastica.

Queste linee di rifiuti, chiamate "andane di rifiuti marini", sono state avvistate per caso dai ricercatori dell'Università di Las Palmas de Gran Canaria durante una spedizione effettuata nell'ottobre 2021 per prelevare campioni e analizzare la presenza di microplastiche nelle acque delle Canarie.

Alla luce di questa scoperta, gli scienziati avvertono della necessità di intervenire su queste linee di immondizia galleggiante situate in un'area di particolare valore ecologico in un articolo pubblicato sulla rivista "Marine Pollution Bulletin" , il cui autore principale è Álex Campillo.

"L'incontro con queste linee è stato accidentale", spiega Alicia Herrera, coautrice del lavoro e ricercatrice del Gruppo Eomar dell'IU-Ecoaqua dell'ULPGC, che sottolinea che la lunghezza e la larghezza totale delle file di detriti marini sono sconosciuti, anche se, sospettano, che uno di quelli rilevati a sud di Gran Canaria potrebbe raggiungere i due chilometri di lunghezza .

"Sono visibili ad occhio nudo. Da lontano sembra una linea di schiuma bianca. I pescatori le conoscono e le chiamano 'linee alla deriva' ”, puntualizza il ricercatore.

In totale sono state localizzate tre aree di linee di immondizia, due a sud di Gran Canaria, e una terza, a sud di Tenerife, precisamente nelle aree di conservazione speciale di Mogán e Rasca-Teno, protette per la loro ricchezza ecologica .

"È un vero peccato. A sud di Tenerife c'è un'importante popolazione di globicefali, molte tartarughe e cetacei ed è lì che si possono vedere le file di immondizia”, commenta Herrera, che sottolinea la minaccia che queste strisce di immondizia rappresentano per la fauna marina.

alimentatori mortali

«Oltre alla spazzatura, queste file accumulano plancton, e le foglie di seba e le tartarughe vanno lì a mangiare . Proprio come tanti organismi che vanno per larve di pesce e finiscono impigliati”, lamenta il biologo e dottore in oceanografia.

Nel loro primo incontro con queste strisce, in cui sono state rilevate quantità di immondizia maggiori rispetto al resto del campionamento effettuato in 15 punti tra La Graciosa e La Gomera, gli scienziati hanno confermato il loro brutale impatto sulla fauna. « Abbiamo trovato diverse tartarughe impigliate. Siamo riusciti a salvarne uno e altri erano già morti", sottolinea Herrera.

Ora, gli scienziati stanno valutando progetti futuri per rilevare e monitorare queste linee con immagini satellitari per poter intervenire su di esse. "Se hai un'area specifica delimitata, puoi concentrare i tuoi sforzi lì sulla pulizia e sul salvataggio della fauna marina ", sottolinea il biologo a proposito di queste aree, che, secondo alcuni studi, accumulano il 90% di tutti i rifiuti marini.

Torna al blog
  • Sequestrati a Tenerife 2016 chili di angurie importate illegalmente

    Sequestrati a Tenerife 2016 chili di angurie im...

    Il Servizio fitosanitario del Ministero dell'Agricoltura, dell'Allevamento, della Pesca e della Sovranità Alimentare del Governo delle Isole Canarie ha sequestrato nell'arcipelago 1.546 chili di angurie provenienti dalla Costa Rica e,...

    Sequestrati a Tenerife 2016 chili di angurie im...

    Il Servizio fitosanitario del Ministero dell'Agricoltura, dell'Allevamento, della Pesca e della Sovranità Alimentare del Governo delle Isole Canarie ha sequestrato nell'arcipelago 1.546 chili di angurie provenienti dalla Costa Rica e,...

  • Rimarcati i pericoli di una dieta ricca di frutti di mare

    Rimarcati i pericoli di una dieta ricca di frut...

    Un gruppo di scienziati del Dartmouth College, un istituto universitario del New Hampshire (USA), ritiene che le persone che seguono una dieta ricca di frutti di mare possono correre il...

    Rimarcati i pericoli di una dieta ricca di frut...

    Un gruppo di scienziati del Dartmouth College, un istituto universitario del New Hampshire (USA), ritiene che le persone che seguono una dieta ricca di frutti di mare possono correre il...

  • Calima e temperature fino a 30ºC questo martedì alle Canarie

    Calima e temperature fino a 30ºC questo martedì...

    L' Agenzia Meteorologica Statale (AEMET) prevede per questo martedì, 16 aprile, cielo sereno, leggera foschia e fino a 30º C su isole come Fuerteventura, Gran Canaria e La Palma. Sul mare ci saranno da est...

    Calima e temperature fino a 30ºC questo martedì...

    L' Agenzia Meteorologica Statale (AEMET) prevede per questo martedì, 16 aprile, cielo sereno, leggera foschia e fino a 30º C su isole come Fuerteventura, Gran Canaria e La Palma. Sul mare ci saranno da est...

1 su 3