Il campeggio Mesa del Mar potrebbe tornare agli antichi albori

Il campeggio Mesa del Mar potrebbe tornare agli antichi albori

Demolirlo e restituire il terreno al governo centrale, limitarlo a esercizio di ristorazione, oppure recuperare il campeggio con la stessa destinazione d'uso originaria, con cabine, piazzole, bagni, barbecue, bar e caffetteria, ripristinare muri e scale, e rinverdimento di alcune zone per rendere più piacevoli i soggiorni.

Sono queste le tre alternative proposte dal Piano Speciale per il Paesaggio Protetto di Costa Acentejo per salvare dall'abbandono il campeggio di Mesa del Mar , a Tacoronte, chiuso più di un decennio fa. Tutto parte dal lavoro congiunto del Cabildo con il Consiglio comunale, la società civile e l'area insulare di gestione dell'ambiente naturale.

Il documento, pubblicato il 27 dicembre nella Gazzetta Ufficiale delle Isole Canarie (BOC), è in pubblica informazione fino alla fine del mese.

Si tratta di una sorta di diagnosi con proposte di ordinamento dell'area, che viene sottoposta alla considerazione pubblica delle amministrazioni interessate, e in base alle loro valutazioni e a quelle del pubblico, se ne sceglierà una specifica o il risultato di una combinazione di più .da approvare. Un'altra procedura che avrà un periodo di informazione al pubblico di 45 giorni.

Le strutture si trovano in prossimità della spiaggia di La Arena, uno dei nuclei più attraenti e importanti per l'uso ricreativo e il godimento della Costa de Acentejo, "perché se si effettua una valutazione morfologica e geografica del paesaggio protetto del luogo, quasi tutto -tra il 60% e il 70%- è ripido e questa è una delle zone più accessibili”, spiega il direttore insulare del Patrimonio, Emilio Fariña.

Il sito che ospitava il vecchio campeggio e il ristorante ad esso annesso ha una superficie di 5.400 mq ed è di proprietà comunale. Anni fa aveva sei capanne di legno, ognuna con una capienza di tre persone, e aveva anche un'area per il campeggio con una capienza massima di circa 25 tende. Inoltre, c'erano un bagno e una zona spogliatoi, un barbecue e un campo da bocce. La sua gestione e sfruttamento avveniva per concessione.

Il suo accesso avviene attraverso la passeggiata, eseguita dalla Direzione Generale delle Coste, che serve la spiaggia e si presenta in buono stato di conservazione, sebbene i pendii siano parzialmente ingranati a causa delle frane che hanno costretto la chiusura del campeggio e del spiaggia nel settembre 2014.

Una volta ripristinato l'accesso, il concessionario "ha avviato una causa contro il Comune che è poi diventata una rivendicazione di proprietà e non si è conclusa con i migliori risultati", ricorda il sindaco, José Daniel Díaz.

Da allora le strutture sono state abbandonate, piene di graffiti sia all'interno che all'esterno, con vetri rotti e recinzioni, e danni alla struttura e all'ambiente circostante, trascurati e pieni di erbacce, ad eccezione di un albero di drago che si adatta alla perfezione con il paesaggio.

Questo abbandono non solo determina un progressivo degrado ma genera anche un impatto visivo e ambientale sul paesaggio di questa fascia costiera che il piano intende evitare.

Il campeggio è di proprietà comunale e in questo senso l'Amministrazione Comunale ha molto da dire. L'intenzione dell'Amministrazione Comunale è di recuperarlo alla fruizione dei cittadini con un altro format, "più coerente di quello che si era allestito a suo tempo con le cabine di legno, più responsabile con lo spazio naturale protetto, che consenta il servizio al grande afflusso di turisti che il comune ha attualmente con alloggi per le vacanze e "godere di uno dei migliori tramonti dell'isola", afferma Díaz.

INVESTIMENTO

Optare per la terza opzione significherebbe riorganizzare ciò che già esiste e quindi non richiederebbe un grande investimento. L'obiettivo è di metterlo in concessione di sfruttamento dei lavori pubblici, in modo che l'impresa che lo sfrutta debba prima realizzare l'intervento proposto dal Comune, un investimento che ammortizzerà gli anni successivi della concessione.

I principali fattori determinanti nella valutazione delle proposte progettuali derivano dai rischi dovuti a frane. Nel primo tratto, che va dal tunnel che dà accesso all'area al belvedere di Playa de La Arena, sono già state adottate misure di contenimento. Tuttavia, nel secondo, tra quest'ultimo punto e l'accesso al campeggio, è necessario "effettuare uno studio finalizzato ad un possibile aumento dell'attuale muro di protezione e alla selezione delle aree del pendio da coprire".

Pertanto, lo sviluppo delle ultime due alternative richiede lo studio e la progettazione di un muro a protezione dei terrazzi superiori o di qualsiasi altra soluzione tecnica che ne mitighi il rischio.

 

Torna al blog
  • Costa del Silencio proposte soluzioni al degrado del Paseo Marítimo

    Costa del Silencio proposte soluzioni al degrad...

    I residenti di Costa del Silenzio nel comune di Arona denunciano lo stato attuale preoccupante del Paseo Marítimo de Costa del Silencio . Il lungomare, uno dei gioielli turistici della zona, comincia a mostrare...

    Costa del Silencio proposte soluzioni al degrad...

    I residenti di Costa del Silenzio nel comune di Arona denunciano lo stato attuale preoccupante del Paseo Marítimo de Costa del Silencio . Il lungomare, uno dei gioielli turistici della zona, comincia a mostrare...

  • Grazie a Sánchez si decuplicano gli "Okupas" stranieri

    Grazie a Sánchez si decuplicano gli "Okupas" st...

    I reati di usurpazione e violazione di proprietà commessi da stranieri hanno avuto un aumento allarmante dal 2018 , raggiungendo cifre che hanno già superato i 4.000 casi nel 2023. Si nota...

    Grazie a Sánchez si decuplicano gli "Okupas" st...

    I reati di usurpazione e violazione di proprietà commessi da stranieri hanno avuto un aumento allarmante dal 2018 , raggiungendo cifre che hanno già superato i 4.000 casi nel 2023. Si nota...

  • Feste patronali di Granadilla de Abona iniziano questo venerdì

    Feste patronali di Granadilla de Abona iniziano...

    Granadilla de Abona si prepara ad iniziare le Feste Patrone del 2024 in onore di Sant'Antonio di Padova e di Nuestra Señora del Rosario . La programmazione degli eventi, guidata dall'Assessorato alla Cultura e Festival diretto da Francisco...

    Feste patronali di Granadilla de Abona iniziano...

    Granadilla de Abona si prepara ad iniziare le Feste Patrone del 2024 in onore di Sant'Antonio di Padova e di Nuestra Señora del Rosario . La programmazione degli eventi, guidata dall'Assessorato alla Cultura e Festival diretto da Francisco...

1 su 3