Vai direttamente ai contenuti

Benvenuto su Sei Di Tenerife Se 🌴

Carrello
"La montagna a Tenerife, avrà zone che si riprenderanno velocemente"

"La montagna a Tenerife, avrà zone che si riprenderanno velocemente"

Il direttore delle Emergenze del Cabildo de Gran Canaria, Federico Grillo, ha smentito questo mercoledì la convinzione "diffusa" che l'incendio devasti le montagne e ha detto che, nel caso di Tenerife, "non l'abbiamo perso" e ci sarà saranno aree che si riprenderanno “tra pochissimi mesi”.

Nel suo ultimo intervento da analista dell'incendio boschivo dichiarato sull'isola lo scorso 15 agosto, Federico Grillo ha affermato che c'è la convinzione che le zone montane interessate dalle fiamme siano devastate, ma " non è così".

Nel caso di Tenerife si tratta di un'isola molto antica, originatasi circa 12 milioni di anni fa in cui vi erano vulcani e fulmini che la bruciarono, perturbazioni come nevicate, inondazioni e tempeste di vento ed incendi fanno parte di questi fenomeni, ha continuato il specialista.

La vegetazione ha un certo adattamento, come dimostra il pino delle Canarie, una specie di 30 milioni di anni, più antica delle Isole Canarie, arrivata nelle isole dopo le glaciazioni e rimasta un relitto, poiché si è adattata molto bene, si è continuò.

Nell'incendio di Tenerife si possono osservare zone nere, che sono dove la brace cade e genera accensione, con fuoco ad alta intensità e dove la pineta ha bruciato nella parte superiore, in modo che si generi un'ampia radura attraverso la quale entrerà la luce e di lì uscirà un boschetto e si rigenererà, ma sono le parti che hanno subito più danni.

Queste sono le aree in cui potrebbe esserci un problema di erosione e in cui il Cabildo deve applicare un trattamento per cercare di ridurre la resistenza.

Poi ci sono aree verdi dove i danni sono stati minimi, gli aghi sono stati ripuliti e si riprenderanno in pochi mesi, ha considerato lo specialista in incendi boschivi.

In più ci sono le zone gialle, dove il fuoco più intenso ha colpito le foglie dei pini ma non hanno bruciato la parte superiore, quindi butteranno via gli aghi e questo sarà "molto buono" perché il terreno sarà coperto e proteggerà dall'erosione.

Tra un mese o poco più, la parte nera e quella gialla rimarranno senza foglie, ma una non avrà aghi sul terreno e l'altra sì, differenza che segnerà problemi di erosione.

L'anno prossimo ricresceranno entrambi, ma sarà più difficile per quello che ha subito l'incendio più intenso, e il pino somiglierà a un cipresso.

La zona gialla avrà un recupero “altissimo” tra uno o due anni, che sarà immediato nel caso della parte rimasta verde.

Non si tratta di un incendio devastante, un "megaincendio" che devasta tutto ad alta intensità, ha affermato Federico Grillo, il quale ha considerato che l'incendio sull'isola ha attaccato il 40 per cento ad alta intensità e il resto è stato tra media e bassa intensità.

Dobbiamo "interiorizzare" questi dati "per non avere la sensazione di aver perso le montagne perché non è una perdita totale, saranno recuperate", ha precisato.

\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\Federico Grillo ha anche sottolineato che per mesi "vedremo fumo" all'interno della montagna ma "non succede nulla", perché sono incendi che restano "addormentati, letargici" nelle zone dove l'incendio è passato.

Torna al blog
1 su 3