La razionalità è impossibile con il turismo

La razionalità è impossibile con il turismo

Il conflitto turistico sorto nelle Isole Canarie risponde a un vero e proprio problema onnipresente. Ciò che dicono gli abitanti di Tenerife è lo stesso che pensano a Firenze, Venezia, Taormina, Santiago di Compostela, Carcassonne o Atene. Ovunque ci sia un'attrazione, ci sono milioni di viaggiatori che inevitabilmente distruggono l'ambiente.

Un server si trova proprio ora nel centro di Chania, Creta. È un grande centro commerciale allestito in una città storica. Fuori dalle mura ci sono interi edifici adibiti ad attività ricettiva venduti direttamente, ovviamente in nero, dai proprietari. E gli hotel non si lamentano perché ce n'è per tutti i gusti. È il risultato di Ryanair: voli economici per tutti, ovunque.

Gli abitanti di Tenerife parlano dell'incompetenza dei loro politici, il che probabilmente ha un fondo di verità. Ma è un fenomeno che nessuno è riuscito a controllare o deviare, fatta eccezione per i paesi che non ne hanno alcun interesse. Cosa fare in caso di uno tsunami come questo che nessuno avrebbe mai immaginato?

Il problema ha molti volti: da un lato l’assoluta insostenibilità del turismo che cresce all’impazzata senza che nessuno sappia cosa fare; dall'altro la commercializzazione di tutte le case come se fossero alberghi; Poi c'è la proliferazione di voli offerti da questa o da un'altra compagnia aerea, ma alla fine tutti viaggiano ovunque. E, infine, i social network che aiutano a ingigantire il problema.

Conosco politici, ovviamente all’opposizione, che dicono che “dobbiamo controllare il numero di visitatori”. Andiamo all'aeroporto per respingere le persone? Come blocchiamo Internet? Solo i ricchi possono volare?

Il turismo è come le automobili: è qualcosa di meraviglioso che ci arricchisce mentre è a disposizione solo dei ricchi; Quando diventa popolare, quando siamo tutti d’accordo, inizia il disastro ambientale, la pressione demografica, la perdita di identità, la snaturalizzazione dei costumi.

Questo problema si trascinerà per anni perché non è un problema di Amsterdam o Parigi, della Toscana o della Costa del Sol, è un problema universale che dove prende piede regala ricchezza, ma ha un indiscutibile impatto sociale.

Torna al blog
  • Altra Bandiera Blu a Tenerife: ritorna a Bajamar

    Altra Bandiera Blu a Tenerife: ritorna a Bajamar

    Da venerdì tre enclavi del litorale lagunare hanno esposto la Bandiera Blu, un riconoscimento della Federazione di Educazione Ambientale che certifica ogni anno a livello nazionale la qualità ambientale di...

    Altra Bandiera Blu a Tenerife: ritorna a Bajamar

    Da venerdì tre enclavi del litorale lagunare hanno esposto la Bandiera Blu, un riconoscimento della Federazione di Educazione Ambientale che certifica ogni anno a livello nazionale la qualità ambientale di...

  • Il bug di Microsoft ieri: in ginocchio gli aeroporti di tutto il mondo

    Il bug di Microsoft ieri: in ginocchio gli aero...

    Ieri sono stati cancellati circa 4mila voli in tutto il mondo a causa del guasto dei computer dei server Windows (Microsoft), mentre un numero molto maggiore di voli ha subito...

    Il bug di Microsoft ieri: in ginocchio gli aero...

    Ieri sono stati cancellati circa 4mila voli in tutto il mondo a causa del guasto dei computer dei server Windows (Microsoft), mentre un numero molto maggiore di voli ha subito...

  • Anche oggi temperature con punte di 34° a Tenerife

    Anche oggi temperature con punte di 34° a Tenerife

    Allarme alle Canarie per temperature massime di 36ºC nelle zone centrali e nelle montagne del sud di Gran Canaria questo sabato , e 34ºC all'interno delle isole più orientali e nelle zone centrali e...

    Anche oggi temperature con punte di 34° a Tenerife

    Allarme alle Canarie per temperature massime di 36ºC nelle zone centrali e nelle montagne del sud di Gran Canaria questo sabato , e 34ºC all'interno delle isole più orientali e nelle zone centrali e...

1 su 3