La tropicalizzazione mette a rischio la tipica biodiversità del Teide

La tropicalizzazione mette a rischio la tipica biodiversità del Teide

Aumento esponenziale delle temperature e maggiore frequenza e l'intensità delle piogge torrenziali . Questi sono i due principali fattori che hanno confermato la tropicalizzazione del Parco Nazionale del Teide negli ultimi anni. È la tesi dell'esperto Abel López Díez, professore di geografia all'Università di La Laguna (ULL) e membro della cattedra di Riduzione del rischio di catastrofi e città resilienti dell'istituzione accademica. La sua teoria spiega come il cambiamento climatico stia già colpendo le alte montagne delle Isole Canarie , in generale, e la vetta di Tenerife in particolare.

Lopez ha manifestato la sua preoccupazione alla recente "II Conferenza sui Rischi e la Prevenzione della Montagna" . Lì si è discusso del futuro climatico nelle zone di alta montagna, soprattutto a Tenerife e con il Teide, che ha appena festeggiato il suo 16° anno come Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO, come protagonista.

López l'impatto su "due grandi aree insulari che soffriranno in modo particolare gli effetti del cambiamento climatico". «Da un lato il settore costiero per l' innalzamento del livello del mare e gli effetti delle mareggiate . D'altra parte, l'alta montagna. Nelle zone di alta montagna come il Teide si accentuano i valori estremi e compaiono pericoli come valanghe, inondazioni, incendi e gelo. «Le alte montagne delle Isole Canarie presentano i maggiori contrasti climatici di tutta la Spagna. Negli ultimi anni piove sempre di più in estate e le temperature sono più alte, il che significa una tropicalizzazione del clima", dice. Il maggior aumento delle temperature si verifica soprattutto di notte, il che significa che si registrano sempre più notti tropicali ed equatoriali; cioè sopra 20 e 25.

Il riscaldamento globale

« Nel Parco Nazionale del Teide, prima degli anni '70, non avevamo temperature record che superassero i 20 gradi di notte . Tuttavia, il suo progressivo aumento mostra una tendenza preoccupante, sintomo del riscaldamento globale", afferma l'esperto. Questo aumento del mercurio raggiunge una media di 1,1 gradi "e continua a salire, a causa dell'aumento esponenziale delle particelle di CO2 nell'atmosfera". López riassume: "Il nostro clima è sempre più simile a quello di Capo Verde".

Questa variazione delle alte temperature significa che molte delle specie che abitano il Teide devono adattarsi e spostarsi in altre zone più confortevoli. 

L'aumento delle notti equatoriali è una caratteristica preoccupante della tropicalizzazione. López sottolinea che, addirittura, "è correlato a un aumento della mortalità". Lo spiega: «Ciò che uccide di più legato a questa varietà climatica sono le temperature notturne perché colpiscono le fasce più vulnerabili della popolazione, come gli anziani, e scatenano patologie mortali. Succede con le ondate di caldo".

L'altro fattore chiave sono le precipitazioni, che “diminuiscono con i periodi di siccità più frequenti e intensi degli ultimi decenni. E quando piove lo fa in maniera molto più torrenziale. Le piogge estive stanno diventando sempre più frequenti», puntualizza il geografo.

La disponibilità idrica è minore quando piove in maniera concentrata. Il sistema naturale non ha la capacità di assorbire quest'acqua corrente e la tendenza è la torrentizzazione che causa problemi di ogni genere. López sottolinea: “Tutte le proiezioni indicano che la diminuzione delle precipitazioni potrebbe superare il 40% da qui alla fine del secolo. Se già piove poco, pioverà molto meno».

Adattamento del deficit idrico

I sistemi naturali dovranno adattarsi a questo deficit idrico e all'aumento termico . Più temperatura e meno precipitazioni equivalgono a più evaporazione e desertificazione. Ciò è paradigmatico nel Parco Nazionale del Teide, dove si registrano le prime testimonianze di cambiamento climatico nelle Isole Canarie, “perché – spiega López – si perde l'effetto termoregolatore del mare. Quindi, l'aumento termico è maggiore che sulla costa o nelle zone centrali.

Il fattore umano è essenziale per combattere il cambiamento climatico da una doppia strategia: ridurre le emissioni di gas serra e la grande sfida dell'adattamento negli spazi urbani e negli ecosistemi naturali. Il professore considera la gestione del Parco Nazionale del Teide "un'altra sfida" "come un patrimonio da preservare dal punto di vista ambientale" e avverte: "La sostenibilità è fondamentale, ma intraprendere l'adattamento richiede ambizione e decisioni non sempre piacevoli". Per questo “la popolazione va istruita e formata affinché comprenda la complessità dell'emergenza”.

Torna al blog
  • Playa Jardín di Puerto rischia di rimanere chiusa tutta l'estate

    Playa Jardín di Puerto rischia di rimanere chiu...

    Il problema dell'acqua mal trattata o degli scarichi illegali continua a persistere nelle isole Canarie, in particolare a Tenerfife. Anno dopo anno, le acque reflue inondano le principali aree costiere...

    Playa Jardín di Puerto rischia di rimanere chiu...

    Il problema dell'acqua mal trattata o degli scarichi illegali continua a persistere nelle isole Canarie, in particolare a Tenerfife. Anno dopo anno, le acque reflue inondano le principali aree costiere...

  • Ecco come sarà il tempo questa domenica a Tenerife

    Ecco come sarà il tempo questa domenica a Tenerife

    L'Agenzia Meteorologica Statale (Aemet) prevede che questa domenica le temperature diano una tregua alle Isole Canarie, dove sia le temperature minime che quelle massime subiranno diminuzioni da leggere a moderate,...

    Ecco come sarà il tempo questa domenica a Tenerife

    L'Agenzia Meteorologica Statale (Aemet) prevede che questa domenica le temperature diano una tregua alle Isole Canarie, dove sia le temperature minime che quelle massime subiranno diminuzioni da leggere a moderate,...

  • Altra Bandiera Blu a Tenerife: ritorna a Bajamar

    Altra Bandiera Blu a Tenerife: ritorna a Bajamar

    Da venerdì tre enclavi del litorale lagunare hanno esposto la Bandiera Blu, un riconoscimento della Federazione di Educazione Ambientale che certifica ogni anno a livello nazionale la qualità ambientale di...

    Altra Bandiera Blu a Tenerife: ritorna a Bajamar

    Da venerdì tre enclavi del litorale lagunare hanno esposto la Bandiera Blu, un riconoscimento della Federazione di Educazione Ambientale che certifica ogni anno a livello nazionale la qualità ambientale di...

1 su 3