Questa è Calle più bella delle Canarie e di tutta la Spagna

Questa è Calle più bella delle Canarie e di tutta la Spagna

Nella strada più bella delle Isole Canarie non manca nulla. È anche considerato uno dei più belli dell'intero paese ed è uno dei luoghi in cui gli abitanti di Tenerife amano passeggiare. Se il tempo lo consente.

All'angolo tra Calle del Agua (oggi Nava e Grimón), dove attualmente si trova il Casinò La Laguna, inizia Calle San Agustín, una delle strade principali e più antiche di La Laguna. Questa strada fu lastricata nel 1542, è attualmente pavimentata con piastrelle in pietra. È una delle strade del centro storico, insieme a La Carrera, che conserva il maggior numero di edifici antichi.

All'inizio della strada, sul lato sinistro salendo, c'è il lato del palazzo dove si trova il Casinò La Laguna, la casa successiva era quella principale del corsaro Amaro Rodríguez Felipe (Amaro Pargo). Poi c'è la casa della famiglia Van den Heede, il suo primo proprietario, Don Guillermo, era un commerciante arrivato a La Laguna nel 1725, dai Paesi Bassi. Il magnifico edificio è un esempio di architettura tradizionale delle Canarie, conserva al suo interno uno straordinario patio chiostrato con alte colonne e basamenti, un soppalco e, come da tradizione, un fienile nella parte superiore. Questa casa appartenne in seguito a Don Emilio Gutiérrez Salazar ed è attualmente di proprietà dei suoi eredi. Sul lato destro si conservano diversi edifici di notevole valore architettonico, uno dei quali ospita la sede della compagnia mista Teidagua. All'angolo con Viana, da questa stessa parte, in un antico edificio recentemente restaurato, è stato installato un albergo che porta il nome di San Agustín.

Successivamente, una volta che questa strada si interseca con Viana, troviamo Casa Linares, una casa a tre piani con seminterrato, con bella falegnameria e rifinita con piastrelle. Questo edificio fu costruito da Francisco Linares nel 1750. Vi furono installate la Scuola Normale dei Professori, la Scuola dei Geometri e la Scuola dei Periti Agrari, fino al suo trasferimento nella Casa Román, in questa stessa strada, dove attualmente si trova l'UNED.

La casa Montañés è uno degli edifici più illustri della strada più bella delle Isole Canarie. Casa a due piani con soppalco costruita nel 1746 dal suo proprietario, il sergente maggiore Francisco Montañés. Attualmente, e dopo un'ampia e magnifica ristrutturazione, è la sede del Consiglio Consultivo delle Isole Canarie. All'interno ha un patio delle Canarie che vale la pena visitare.

Considerata una delle case o palazzi più importanti di La Laguna, all'angolo con Tabares de Cala si trova la casa o palazzo Lercaro, fatta costruire nel 1593 dal luogotenente generale e dottore in giurisprudenza dell'isola, il signor Francisco Lercaro de León, nato a Las Palmas de Gran Canaria, figlio maggiore del genovese Jerónimo Lercaro, sposato con Catalina Justiniani . La casa è costruita su un terreno di proprietà del notaio Gaspar Justiniano.

Questo edificio si distingue per la facciata in stile genovese, che conserva lo stemma del suo primo proprietario. All'interno spicca la grande lavorazione lignea dei soffitti a cassettoni e dei corridoi. Il palazzo Lercaro è stato dichiarato Bene di Interesse Culturale, con la categoria di Monumento nel 1983.

LA LEGGENDA DELLA STRADA PIÙ BELLA DELLE ISOLE CANARIE

Narra la leggenda, trasmessa oralmente da secoli a La Laguna, che una giovane donna di nome Catalina Lercaro avrebbe sposato un uomo più anziano di cui non era innamorata. Il giorno delle nozze, vestita con l'abito nuziale, si suicida gettandosi in un pozzo che si trovava nel cortile dietro casa. In conseguenza di questo evento, la famiglia Lercaro lasciò La Laguna e si trasferì a La Orotava.

Nel 1802 a La Laguna, secondo Juan Primo de la Guerra nel suo Diario, “il lunedì di Carnevale, in paese si vedevano poche maschere. Quelli che la sera prima avevano formato il partito degli indiani si sono riuniti ieri nella casa vuota che don Diego Lercaro ha in calle Real."

La famiglia Lercaro trasferì la propria residenza a La Orotava e finché la proprietà in cui vivevano a La Laguna non fu acquistata dal Comune dell'Isola per adibirla a museo, per secoli ebbe diversi usi: ostello militare, aule universitarie, scuola elementare, negozio di scarpe e il laboratorio di fabbro della famiglia Trujillo. Sul lato sinistro, all'angolo con Tabares de Cala, si trova la casa dei Gesuiti, la cui costruzione iniziò nel 1733, e il suddetto Ordine si insediò una volta terminati i lavori, nel 1737. Attualmente è la sede dell'Ordine Reale Società Economica degli Amici del Paese di Tenerife, fondata nel 1777, che possiede una delle biblioteche più importanti delle Isole Canarie, un'aula magna, un patio centrale e uffici. In questo edificio hanno sede anche il Collegio dei Medici e dei Laureati di Santa Cruz de Tenerife e la Società Esperantista dell'Isola. L'Università di San Fernando, attuale Università di La Laguna, con le sue aule di Giurisprudenza e la Facoltà di Chimica In queste strutture iniziò la sua attività universitaria.

La maggior parte degli edifici storici di questa strada sono stati descritti come capolavori dell'architettura dell'epoca, uno di questi è l'antico convento di San Agustín, la cui costruzione iniziò nei primi anni del XVI secolo e si sa che fu completata successivamente l'anno 1509, da documenti che attestano che quell'anno era ancora in costruzione.

La popolare tipografia Sigut era installata in un grande edificio sul lato sinistro di questa strada, salendo, di fronte alla chiesa dell'Hospital de Los Dolores. Nella casa precedente a quella all'angolo con Núñez de la Peña, per molti anni ebbe il suo consulto medico il prestigioso cardiologo di Lagunero, il signor Enrique González González.

Al numero 63 di questa strada, sul lato sinistro salendo, venne fondato a La Laguna il Partito Socialista Operaio Spagnolo, il cui primo presidente fu l'avvocato Alonso Suárez Melián dal 5 giugno 1931, dove si tenne l'Assemblea Costituente di detto Partito, prima dell'approvazione degli Statuti del Governatore Civile della provincia di Santa Cruz de Tenerife.

Sullo stesso lato della strada si trova la settecentesca Casa Olivera. Si tratta di un edificio costruito su un ampio terreno, che determina un'estesa facciata sviluppata su tre piani, il terzo dei quali, essendo un fienile, come era tradizione nelle costruzioni dell'epoca, si apre verso l'esterno attraverso uno stretto e lungo balcone. Era di proprietà del decano della Chiesa Santa Cattedrale di La Laguna, Don Luis Palahí Hidalgo de Quintana.

Quasi alla fine di questa strada si trovava la prima clinica della Previdenza Sociale che serviva tutti i membri del comune di La Laguna. Sarebbe molto lungo citare tutti gli operatori sanitari che negli anni hanno svolto il loro lavoro in circostanze difficili in questo centro sanitario. Oggi, che la città conta quattordici unità sanitarie e un ospedale universitario, citeremo, in rappresentanza di tutto il gruppo, come omaggio: Don Escolásico Aguiar, Don Enrique González, Dona Luchy Cabrera, Don Francisco Túbal, Don Roberto e la signora . Amparo Ucelay, il signor Francisco Cruz, il signor Francisco Martínez Calvo….

Nell'edificio antistante la clinica, Casa Peter vendeva hot dog dal 1968, un'attività introdotta per la prima volta a La Laguna dal danese Jorge Peter Larsen.

La via termina all'incontro, sul lato sinistro, con l'attuale via Ascanio y Nieves, conosciuta come La Rosada, nome che deriva dalla sua originaria La Rosa. E sul lato destro con la Plaza de la Junta Suprema, anticamente Plaza de Los Bolos e popolarmente conosciuta come Plaza de Las Flores.

Attualmente questa strada è considerata una delle più belle della Spagna, poiché è stata catalogata non solo dai visitatori ma anche da organizzazioni turistiche e media specializzati in questioni di patrimonio storico e turismo.

Torna al blog
  • Costa del Silencio proposte soluzioni al degrado del Paseo Marítimo

    Costa del Silencio proposte soluzioni al degrad...

    I residenti di Costa del Silenzio nel comune di Arona denunciano lo stato attuale preoccupante del Paseo Marítimo de Costa del Silencio . Il lungomare, uno dei gioielli turistici della zona, comincia a mostrare...

    Costa del Silencio proposte soluzioni al degrad...

    I residenti di Costa del Silenzio nel comune di Arona denunciano lo stato attuale preoccupante del Paseo Marítimo de Costa del Silencio . Il lungomare, uno dei gioielli turistici della zona, comincia a mostrare...

  • Grazie a Sánchez si decuplicano gli "Okupas" stranieri

    Grazie a Sánchez si decuplicano gli "Okupas" st...

    I reati di usurpazione e violazione di proprietà commessi da stranieri hanno avuto un aumento allarmante dal 2018 , raggiungendo cifre che hanno già superato i 4.000 casi nel 2023. Si nota...

    Grazie a Sánchez si decuplicano gli "Okupas" st...

    I reati di usurpazione e violazione di proprietà commessi da stranieri hanno avuto un aumento allarmante dal 2018 , raggiungendo cifre che hanno già superato i 4.000 casi nel 2023. Si nota...

  • Feste patronali di Granadilla de Abona iniziano questo venerdì

    Feste patronali di Granadilla de Abona iniziano...

    Granadilla de Abona si prepara ad iniziare le Feste Patrone del 2024 in onore di Sant'Antonio di Padova e di Nuestra Señora del Rosario . La programmazione degli eventi, guidata dall'Assessorato alla Cultura e Festival diretto da Francisco...

    Feste patronali di Granadilla de Abona iniziano...

    Granadilla de Abona si prepara ad iniziare le Feste Patrone del 2024 in onore di Sant'Antonio di Padova e di Nuestra Señora del Rosario . La programmazione degli eventi, guidata dall'Assessorato alla Cultura e Festival diretto da Francisco...

1 su 3