Qui si manifesta e in Marocco ed Egitto nascono decine di alberghi

Qui si manifesta e in Marocco ed Egitto nascono decine di alberghi

L’Africa ha enormi margini di crescita nel settore del turismo. Le grandi compagnie alberghiere internazionali, consapevoli delle potenzialità di destinazioni come l'Etiopia o il Kenya e le più consolidate Egitto, Tunisia e ora anche il vicino Marocco, hanno messo gli occhi su un mercato gigantesco che sta suscitando sempre maggiore interesse.

Infatti, solo nel regno alawita e nel Paese delle piramidi sono previsti 161 hotel premium di nuova costruzione che aumenteranno la loro offerta di quasi 100.000 posti letto. Si tratta di strutture promosse principalmente dai cinque colossi dell'accoglienza turistica: Accor, Hilton, Intercontinental Hotel Group (IHG), Marriott International e Radisson Hotel Group.

Le destinazioni africane, con condizioni e attrattive naturali per competere testa a testa con le Isole Canarie - Tunisia ed Egitto sono ormai concorrenti più che consolidati, anche se colpiti negli ultimi anni dal sentimento di insicurezza provocato da rivolte e focolai sociali -, quindi , non crescono solo in termini quantitativi, cioè in numero di posti letto e di strutture, ma anche in termini qualitativi, in termini di qualità.

Inoltre, la penetrazione delle grandi compagnie alberghiere mondiali va ben oltre quelle classiche o storiche destinazioni del continente nero, come le già citate Tunisia ed Egitto, per raggiungere nuovi mercati. Nuovi mercati che in futuro faranno concorrenza più o meno diretta alle Isole, la cui industria turistica, con decenni di maturazione alle spalle, è protagonista delle manifestazioni di protesta che questo sabato hanno portato migliaia di persone nelle principali città della regione .

Mentre nell’Arcipelago si discute sulla rilevanza o meno dell’ecotassa, sulla necessità o meno di una nuova moratoria o su come alleviare gli effetti di una presunta massificazione, qui vicino, in Africa, sta crescendo una macroindustria turistica  le cui possibilità sono immense.

ContribuiRà ad un una migliore qualità della vita in quegli innumerevoli villaggi e città che oggi sopravvivono poveramente grazie all’agricoltura e all’allevamento di sussistenza. In un continente così grande e storicamente denigrato, ci sono paesi in cui tutto questo suona, ancora oggi, come un’utopia, ma queste sono le basi su cui il marchio africano vuole crescere. E la verità è che si stanno compiendo passi decisivi, anche se spesso passano inosservati.

 Dall'analisi prospettica degli analisti di W Hospitality,multinazionale specializzata nella consulenza alle imprese alberghiere, emerge che nelle dieci principali destinazioni del continente sono complessivamente 361 gli hotel in fase di progettazione o in costruzione. La maggior parte nei mercati nordafricani, che sono i grandi concorrenti delle Isole Canarie per le possibilità che il loro clima offre loro nella stagione invernale.

In Tunisia apriranno più o meno a breve 18 nuove strutture ricettive, aumentando di 4.121 camere l'offerta nel Paese mediterraneo. Nel vicino Marocco, dove il settore ha conosciuto un vero e proprio boom negli ultimi anni e il cui governo non smetterà di premere l’acceleratore finché non trasformerà il paese in una potenza mondiale, sono previsti più di cinquanta nuovi hotel – esattamente 52 – di cui 7.169 camere. E l'Egitto, destinazione mondiale per la sua storia e il suo ricco patrimonio, primeggia con ben 109 stabilimenti operativi, che gli permetteranno di aumentare la sua offerta fino a 26.241 camere.

Quindi solo nelle tre destinazioni classiche del Nord Africa, che si consolidano come concorrenti diretti dell’Arcipelago e con un margine di crescita come pochi altri al mondo – soprattutto il Marocco, dove resta da vedere dove finirà il suo ambizioso piano di sviluppo turisticO , sono in preparazione 179 nuove aperture alberghiere per un totale di 37.531 camere. La maggior parte, le già citate 161 strutture ricettive con 33.410 camere e quasi 100.000 posti letto o posti letto, si trovano o saranno localizzate nel regno alawita e, soprattutto, in Egitto

Torna al blog
  • Altra Bandiera Blu a Tenerife: ritorna a Bajamar

    Altra Bandiera Blu a Tenerife: ritorna a Bajamar

    Da venerdì tre enclavi del litorale lagunare hanno esposto la Bandiera Blu, un riconoscimento della Federazione di Educazione Ambientale che certifica ogni anno a livello nazionale la qualità ambientale di...

    Altra Bandiera Blu a Tenerife: ritorna a Bajamar

    Da venerdì tre enclavi del litorale lagunare hanno esposto la Bandiera Blu, un riconoscimento della Federazione di Educazione Ambientale che certifica ogni anno a livello nazionale la qualità ambientale di...

  • Il bug di Microsoft ieri: in ginocchio gli aeroporti di tutto il mondo

    Il bug di Microsoft ieri: in ginocchio gli aero...

    Ieri sono stati cancellati circa 4mila voli in tutto il mondo a causa del guasto dei computer dei server Windows (Microsoft), mentre un numero molto maggiore di voli ha subito...

    Il bug di Microsoft ieri: in ginocchio gli aero...

    Ieri sono stati cancellati circa 4mila voli in tutto il mondo a causa del guasto dei computer dei server Windows (Microsoft), mentre un numero molto maggiore di voli ha subito...

  • Anche oggi temperature con punte di 34° a Tenerife

    Anche oggi temperature con punte di 34° a Tenerife

    Allarme alle Canarie per temperature massime di 36ºC nelle zone centrali e nelle montagne del sud di Gran Canaria questo sabato , e 34ºC all'interno delle isole più orientali e nelle zone centrali e...

    Anche oggi temperature con punte di 34° a Tenerife

    Allarme alle Canarie per temperature massime di 36ºC nelle zone centrali e nelle montagne del sud di Gran Canaria questo sabato , e 34ºC all'interno delle isole più orientali e nelle zone centrali e...

1 su 3