Si cerca escamotage per limitare la vendita di case agli stranieri

Si cerca escamotage per limitare la vendita di case agli stranieri

Il Governo delle Isole Canarie affronta il complesso dibattito sull'imposizione di limiti all'acquisto di case da parte di cittadini stranieri. A tal fine, ha già incaricato i servizi giuridici della Comunità Autonoma di riferire sulla fattibilità di una misura di questo tipo nell’attuale contesto giuridico dell’Unione Europea e se siano possibili iniziative legislative che consentano di creare meccanismi che consentano di limitare l’acquisizione di beni immobili nelle Isole da parte di capitali stranieri.

Nelle Isole Canarie, circa un terzo delle case vendute sono acquistate da non residenti, soprattutto cittadini dei paesi dell'UE, collocandole tra le tre comunità autonome con la più alta percentuale di vendite immobiliari da parte di stranieri, insieme alle Isole Baleari e alla Valenciana.

Per provincia, Santa Cruz de Tenerife è la seconda a livello nazionale, superata solo da Alicante. I non residenti hanno rilevato il 35,7% delle case vendute nel 2023. Per quanto riguarda le nazionalità, spiccano italiani, tedeschi, inglesi, belgi e polacchi.

Anche se l’Esecutivo pone come precedenti gli esempi di Malta e Finlandia, in entrambi i casi si tratta di limitazioni già in vigore prima del loro ingresso nel club comunitario e che si è negoziato per mantenere. Malta impedisce ai cittadini europei di acquistare più di una casa sull'isola a meno che non siano residenti da più di cinque anni. In Finlandia esiste una restrizione sull'acquisizione di terreni o alloggi per le Isole Aland, in modo tale che un non residente abbia bisogno del permesso delle autorità per acquistare una proprietà.


Questa iniziativa dell'esecutivo sorprende negativamente il settore immobiliare e delle costruzioni. Il presidente dell'associazione dei costruttori di Las Palmas, Salud Gil, ritiene che il governo "vuole uccidere le mosche a colpi di cannone" perché "un governo che ha avuto il coraggio di dichiarare un'emergenza abitativa e adottare un meccanismo legale per facilitare la produzione di l'alloggio non dovrebbe occuparsi di altro, perché né le case di vacanza né gli acquisti da parte di stranieri sono responsabili del problema. Gil avverte che "ci sono soldi a bizzeffe e complicità di consigli comunali e consiglieri, si tratta di gestire meglio perché i passi sono già stati fatti".

L'imprenditore critica che i problemi abitativi delle Isole Canarie non si risolvono con "dichiarazioni vistose e demagogiche" ma con misure "coraggiose" come l'emergenza abitativa, ma che devono essere accompagnati dal miglioramento della gestione delle Isole Canarie Istituto Casa (Icavi): "Quello che deve preoccupare il Governo è che Icavi funzioni, in questo momento i piani casa non vengono eseguiti e dei bilanci di quest'anno non sappiamo nulla".

Gil dubita che impedire agli stranieri di acquistare case sulle isole possa fornire le 20.000 case necessarie per risolvere la mancanza di appartamenti ufficialmente protetti e promossi pubblicamente. "Si tratta di uccidere le mosche a colpi di cannone e contare i centesimi, gestirlo bene e attuare al più presto la legge sulle misure urgenti, questo è ciò che è veramente importante", si interroga Gil, che mette sul tavolo anche i problemi che le leggi statali del Abitazioni e locazioni urbane.

Investimento
Da parte sua, il presidente dell'Associazione delle società di gestione immobiliare delle Isole Canarie (Acegi), Rafael Tarajano, ritiene "inutile" limitare l'acquisto di case da parte di non residenti perché si tratta per lo più di cittadini peninsulari e dell'UE, che quindi hanno gli stessi diritti dei canari per acquistare una proprietà. Tarajano avverte che gli investimenti immobiliari da parte di non residenti nelle Isole generano poco più di 1,5 miliardi di euro all'anno. Nel 2023, delle 27.000 case vendute nelle Isole, il 30% erano di non residenti, ovvero poco più di 8.000 immobili per un costo medio di 200.000 euro.

Ciò che l'Amministrazione deve chiedersi è se vuole davvero limitare questo afflusso di capitali e tutti i benefici che ciò comporta», aggiunge il presidente dei gestori immobiliari. Tarajano sottolinea che la responsabilità della mancanza di alloggi o dell'aumento degli affitti non è dei non residenti ma dell'"inerzia" dell'Amministrazione, che dal 2007 non costruisce nuove abitazioni nell'Arcipelago.

Torna al blog
  • Altra Bandiera Blu a Tenerife: ritorna a Bajamar

    Altra Bandiera Blu a Tenerife: ritorna a Bajamar

    Da venerdì tre enclavi del litorale lagunare hanno esposto la Bandiera Blu, un riconoscimento della Federazione di Educazione Ambientale che certifica ogni anno a livello nazionale la qualità ambientale di...

    Altra Bandiera Blu a Tenerife: ritorna a Bajamar

    Da venerdì tre enclavi del litorale lagunare hanno esposto la Bandiera Blu, un riconoscimento della Federazione di Educazione Ambientale che certifica ogni anno a livello nazionale la qualità ambientale di...

  • Il bug di Microsoft ieri: in ginocchio gli aeroporti di tutto il mondo

    Il bug di Microsoft ieri: in ginocchio gli aero...

    Ieri sono stati cancellati circa 4mila voli in tutto il mondo a causa del guasto dei computer dei server Windows (Microsoft), mentre un numero molto maggiore di voli ha subito...

    Il bug di Microsoft ieri: in ginocchio gli aero...

    Ieri sono stati cancellati circa 4mila voli in tutto il mondo a causa del guasto dei computer dei server Windows (Microsoft), mentre un numero molto maggiore di voli ha subito...

  • Anche oggi temperature con punte di 34° a Tenerife

    Anche oggi temperature con punte di 34° a Tenerife

    Allarme alle Canarie per temperature massime di 36ºC nelle zone centrali e nelle montagne del sud di Gran Canaria questo sabato , e 34ºC all'interno delle isole più orientali e nelle zone centrali e...

    Anche oggi temperature con punte di 34° a Tenerife

    Allarme alle Canarie per temperature massime di 36ºC nelle zone centrali e nelle montagne del sud di Gran Canaria questo sabato , e 34ºC all'interno delle isole più orientali e nelle zone centrali e...

1 su 3