Si lavora per eliminare gli scarichi di acque reflue a Tenerife

Si lavora per eliminare gli scarichi di acque reflue a Tenerife

Tenerife ha già in atto, a diversi livelli di esecuzione, le cinque grandi opere che mirano a eliminare gli scarichi di acque reflue sull'isola. Il presidente del Cabildo, Peter Martin , fa il punto sui primi due anni di lavoro inquadrati in uno storico accordo con lo Stato. Garantisce che "otto euro su dieci dell'investimento previsto siano già assegnati o in esecuzione". Martín sottolinea che “una volta per tutte è stata aperta una porta per risolvere questo grave e ricorrente problema, quello della cura e della purificazione”. L'obiettivo è “ridurre l'impatto ambientale e fornire anche all'agricoltura acqua di irrigazione di ottima qualità”.

L'accordo firmato tra il Cabildo de Tenerife, attraverso l'Island Water Council of Tenerife (Ciatf), e la società statale Aguas de las Cuencas de España (Acuaes), del Ministero per la Transizione Ecologica e la Sfida Demografica, definisce la esecuzione di cinque grandi sistemi per migliorare i servizi igienico-sanitari e il trattamento delle acque reflue che vengono generate sull'isola.

Sono già stati assegnati più di 153 dei 200 milioni di euro disponibili per il progetto, il che significa che, come assicura il presidente dell'isola, più di otto euro su dieci di quelli previsti per queste opere sono già stati assegnati. Alcuni lavori verranno a risolvere il problema storico degli scarichi di acque reflue in mare.

Martín aggiunge che questi grandi impianti «comporteranno l' eliminazione degli scarichi in mare ma anche nel sottosuolo , una magnifica notizia perché apre un'altra porta alla depurazione dell'Isola, basata sulla sostenibilità». Un altro fattore positivo di questo progetto è che fornirà all'agricoltura una nuova e potente risorsa dall'acqua recuperata, come si sta facendo attualmente nella Valle de Guerra.

“In condizioni critiche”

Pedro Martín ribadisce che "il trattamento delle acque reflue sull'isola era in uno stato critico, qualcosa che non poteva essere consentito in alcun modo e su cui ci siamo concentrati in questi quattro anni". Il presidente sottolinea che l'attuazione dell'accordo con Acuaes “ha dato un vero impulso a tale obiettivo, perché Tenerife non può permettersi di continuare a essere penalizzata dall'Unione Europea, come sta accadendo finora, per non avere una politica di depurazione delle le acque secondo gli standard attuali.

Per quanto riguarda l'impianto di depurazione di tale impianto, i lavori non sono ancora iniziati perché si è in attesa dei necessari studi archeologici per il suo avvio. In questo nuovo impianto, che inizierà a breve, “saranno investiti più di 22 milioni di euro e, una volta iniziati i lavori, si prevede di completarli in 30 mesi”, sottolinea Rodríguez Medina.

Torna al blog
  • Playa Jardín di Puerto rischia di rimanere chiusa tutta l'estate

    Playa Jardín di Puerto rischia di rimanere chiu...

    Il problema dell'acqua mal trattata o degli scarichi illegali continua a persistere nelle isole Canarie, in particolare a Tenerfife. Anno dopo anno, le acque reflue inondano le principali aree costiere...

    Playa Jardín di Puerto rischia di rimanere chiu...

    Il problema dell'acqua mal trattata o degli scarichi illegali continua a persistere nelle isole Canarie, in particolare a Tenerfife. Anno dopo anno, le acque reflue inondano le principali aree costiere...

  • Ecco come sarà il tempo questa domenica a Tenerife

    Ecco come sarà il tempo questa domenica a Tenerife

    L'Agenzia Meteorologica Statale (Aemet) prevede che questa domenica le temperature diano una tregua alle Isole Canarie, dove sia le temperature minime che quelle massime subiranno diminuzioni da leggere a moderate,...

    Ecco come sarà il tempo questa domenica a Tenerife

    L'Agenzia Meteorologica Statale (Aemet) prevede che questa domenica le temperature diano una tregua alle Isole Canarie, dove sia le temperature minime che quelle massime subiranno diminuzioni da leggere a moderate,...

  • Altra Bandiera Blu a Tenerife: ritorna a Bajamar

    Altra Bandiera Blu a Tenerife: ritorna a Bajamar

    Da venerdì tre enclavi del litorale lagunare hanno esposto la Bandiera Blu, un riconoscimento della Federazione di Educazione Ambientale che certifica ogni anno a livello nazionale la qualità ambientale di...

    Altra Bandiera Blu a Tenerife: ritorna a Bajamar

    Da venerdì tre enclavi del litorale lagunare hanno esposto la Bandiera Blu, un riconoscimento della Federazione di Educazione Ambientale che certifica ogni anno a livello nazionale la qualità ambientale di...

1 su 3