Smantellata a Tenerife organizzazione criminale di truffatori

Smantellata a Tenerife organizzazione criminale di truffatori

La Polizia Nazionale ha completato la prima fase di un'operazione di polizia, alla quale ha collaborato la Vice Direzione della Sorveglianza Doganale , attraverso la quale è stata smantellata un'organizzazione criminale con sede nel sud dell'isola di Tenerife .

Sono stati arrestati 33 presunti membri di tale organizzazione dedita alla commissione sistematica di truffe ai danni di anziani turisti stranieri che soggiornavano in diversi comuni del sud dell'isola, principalmente ad Adeje e Arona .

Al momento, gli investigatori hanno identificato 1.805 vittime , cittadini di paesi come Regno Unito, Belgio, Germania, Svizzera, Francia, Lussemburgo, Austria, Danimarca, Norvegia, Svezia, Finlandia, Islanda, Italia, Estonia, Irlanda, Repubblica Ceca, Lettonia e Ungheria , e si stima che il totale dei danni economici causati ammonti, fino a questo momento, a più di quattro milioni di euro.

Truffati più di 1.800 turisti stranieri

L'indagine risale al 2022, quando gli agenti vennero a conoscenza della possibile esistenza di un'organizzazione criminale che, con sede nel sud di Tenerife, aveva come scopo la commissione sistematica di truffe ai danni di anziani turisti stranieri, attraverso piccoli negozi di vendita di prodotti tecnologici.

I membri dell'organizzazione, con una distribuzione prestabilita di ruoli, selezionavano le vittime e offrivano loro dispositivi tecnologici a basso costo.

Se il turista accettava, veniva trasferito in una struttura, appartenente ad un altro livello dell'organizzazione, che otteneva informazioni dalle vittime circa il luogo di alloggio e la data di ritorno nel loro Paese.

Con il pretesto di configurare i dispositivi e installare applicazioni per uso ricreativo, trattenevano gli oggetti acquistati e si incontravano con le vittime per la consegna prima della loro partenza. Una volta sicuri che il turista aveva lasciato il territorio nazionale, iniziavano ad effettuare addebiti fraudolenti sulle loro carte di credito attraverso i terminali POS di una complessa rete di grandi magazzini situati nel sud di Tenerife.

Gli agenti dell'Unità per la criminalità economica e fiscale, dopo una lunga indagine, che ha avuto la collaborazione della Vicedirezione di vigilanza doganale, hanno smantellato l'organizzazione criminale con un spiegamento di polizia composto da più di 100 agenti provenienti da diverse unità della Polizia Nazionale.

In totale, per il momento, la Polizia di Stato ha arrestato 33 persone per presunta responsabilità dei reati di organizzazione criminale, riciclaggio e frode. Ha sequestrato un milione di euro in contanti nelle diverse perquisizioni effettuate, ha bloccato un capitale superiore a un milione di euro distribuito in più di 300 conti bancari e 42 proprietà immobiliari, oltre a numerosi gioielli e 17 veicoli di lusso, uno dei quali supera il valore di 160.000 euro.

I principali responsabili dell'organizzazione, 5 uomini, sono stati posti in arresto preventivo dopo essere stati assicurati alla giustizia.

Europol

Proseguono le indagini della Polizia di Stato, ormai nella fase patrimoniale, e non è escluso che vengano individuate nuove vittime e effettuati nuovi arresti.         Per questo motivo, la Polizia nazionale ha articolato, attraverso EUROPOL, canali di cooperazione di polizia con le forze di sicurezza dei paesi colpiti, per contattare le vittime, fornire loro consulenza nel processo di comunicazione di atti criminali e comparire di persona in tribunale per il processo, ed essere risarciti per il danno economico subito,

Torna al blog
1 su 3