Ten-Bel, il paradiso dimenticato che cerca di rinascere

Ten-Bel, il paradiso dimenticato che cerca di rinascere

Ten-Bel sogna di recuperare una parte del palcoscenico di splendore che raggiunse negli anni '70 e '80. Dopo decenni immersi in un processo di inarrestabile degrado, visibile nello stato di abbandono che presenta gran parte dei suoi spazi pubblici, si sta già lavorando alla stesura del progetto di urbanizzazione con l'idea che sia completato entro la fine del l'anno, che comporterà la sistemazione del parco di 47.000 metri quadrati, di proprietà privata, attualmente in rovina, e delle strade circostanti

Questo passaggio è fondamentale affinché il Comune di Arona accetti l'urbanizzazione, requisito che a sua volta aprirà la possibilità di concedere licenze per nuove costruzioni su altri lotti dell'urbanizzazione, attualmente bloccati.

Ma, parallelamente, si stanno facendo progressi con altre misure tangibili, come l'investimento di 15 milioni di euro nella ristrutturazione degli appartamenti Alborada da parte di un fondo americano e la futura costruzione di un centro sanitario nell'edificio della vecchia reception del Ten -Bel, accanto alla torre, che ha già avuto la visita del ministro della Salute, Blas Trujillo, e dove si sta lavorando alla costruzione di una palestra in cima.

Parlare di Ten-Bel è ricordare il paradiso che fu. Non ce n'era un altro simile. Trascorrere l'estate nell'urbanizzazione turistica pioniera nel sud di Tenerife simboleggiava il sogno perseguito da ogni famiglia di Tenerife negli anni '70 e '80. Affittare o acquistare, chi poteva permetterselo, un appartamento nel centro turistico della Costa del Silencio rappresentava un'aspirazione ambita da gran parte della società di Tenerife.

STILE UNICO

Un modello architettonico lontano dai grattacieli convenzionali, con edifici tipo bungalow di un paio di piani distribuiti tra ampi spazi verdi, insieme a un clima formidabile, un terreno pianeggiante e la vicinanza al mare, hanno reso l'investimento dell'imprenditore belga una scommessa sicura. Michel Huygen, dopo aver acquistato il terreno dalla famiglia Tavío.

Ten-Bel, nome che nasce dalle abbreviazioni di Tenerife e Belgio, era molto diverso da Puerto de la Cruz, la prima città turistica dell'isola, e aveva ben poco in comune con le mete nazionali che proliferavano nell'area spagnola Mediterraneo in quel momento. , basato su grandi masse di cemento, che hanno aperto le braccia alle prime ondate di turismo di massa dall'Europa centrale.

Migliaia di residenti di Tenerife hanno vissuto la vacanza della loro vita soggiornando in alcuni dei suoi complessi di appartamenti: Carabela, Eureka, Géminis, Primavera, Drago, Frontera, Alborada, Bellavista e Maravilla, dove sono continuati i raduni e i giochi di cinquillo e ludo. fino al calar della notte sulle amache a bordo piscina tra i profumi degli oli solari al cocco e al limone.

Dopo cena era la volta dello spettacolo sui palchi allestiti accanto alle piscine, dove gli animatori (gli stessi che durante la giornata organizzavano tornei di ping-pong, pallanuoto e bocce) davano sfoggio delle loro migliori arti performative. Bastava un piccolo palco, un sipario e tre o quattro faretti colorati per coprire il gruppo di flamenco o il cantante di turno, l'illusionista (Jerarmas era eccezionale all'epoca) o il turista che esordiva come Frank Sinatra con indosso il suo incipiente bruno rossiccio, mentre i camerieri non smettevano di servire sangria e birre al pubblico.

Lì, tra le note di canzoni come My way, Can't take my eyes of you o Cabaret, si forgiavano fugaci amori estivi dopo i rilevanti precedenti flirt in piscina. Le serate si potevano concludere nei locali di El Chaparral o Krystal, quest'ultimo situato negli appartamenti Marino, dove il sabato sera era difficile per i suoi ospiti addormentarsi a causa dei continui via vai in entrata e in uscita dai locali.

Sono state elencate piscine come quella di Frontera. I bagnanti godevano dello straripamento dell'acqua riscaldata, cosa senza precedenti all'epoca, e fiore all'occhiello di Costa del Silencio. 

TERRENO DI GIOCO

E che dire del minigolf, con le buche nascoste sopra una specie di tortino o dietro una ruota consumata all'ombra dei salici piangenti tra gli odori della carne alla griglia del ristorante BQ? O il parco giochi che lo circondava, con un trenino che non bastava a trasportare tanti ragazzi e ragazze che zigzagavano tra i tunnel? O quelle auto elettriche e il circuito dei veicoli a pedali accanto ai campi da tennis? O il lago con le barche paraurti, dove i più piccoli si divertiveno a schizzarsi a vicenda?
Un treno arancione con due vagoni trainati da un trattore era incaricato di prelevare gratuitamente i turisti dai complessi di appartamenti e di distribuirli in tutta l'urbanizzazione in modo che potessero fare la spesa, pranzare, cenare, assistere allo spettacolo notturno de La Ballena oppure bere un drink nella zona di El Chaparral o nel centro commerciale sotto la torre Ten-Bel, dove il pub El Rinconcito, di Antonio Durán, scandiva -lo fa ancora- il ritmo della notte con animate serate musicali.

Fare un tuffo in mare era un'altra opzione allettante. La piscina naturale de La Ballena (si è sempre detto che sia la più grande d'Europa), con i suoi caratteristici lettini e ombrelloni in fibra, era una scelta sicura. I due moli del Ten-Bel, a cui si accedeva da vertiginose scale che scendevano dallo spettacolare lungomare con vista su Las Galletas, tra Maravilla e La Ballena, oltre che sulla costa ai piedi della Montaña Amarilla, dove i bagnanti si incontravano e raccoglievano molluschi patella e burgado, erano altri luoghi privilegiati, anche se meno sicuri per fare un tuffo a causa delle piene e delle correnti.

L'odore del pane fresco era nell'aria fin dalla mattina presto nel supermercato El Chaparral. 

Il supermercato Marino, di proprietà del ricordato Marcial e di sua moglie Petra, era l'altra opzione della zona. Tra i due stabilimenti c'era il chiosco Paco's Shop, un luogo dove i giornali locali e inglesi ricevevano i clienti sullo scaffale all'ingresso. Pane, giornali e acqua. Quello era l'acquisto più comune nei supermercati da parte dei russi, poiché il turismo locale dell'area metropolitana era già noto nel sud.

Le prime ore del mattino erano calme. Il silenzio imponeva la sua legge, alterata solo dagli aerei che costeggiavano la pista dell'aeroporto Reina Sofía, soprattutto il venerdì, giorno in cui si intensificava la giostra dei biglietti.

Oggi Ten-Bel, purtroppo, è una caricatura di quello che era. Appartamenti recintati, macerie a terra, giardini trascurati e aridi, campi sportivi abbandonati, strade degradate, insicurezza... Questo è il panorama che i suoi abitanti sopportano e che sorprende il visitatore a quasi mezzo secolo dall'età dell'oro. Decenni di inazione su questa gated community hanno portato sull'orlo l'Eden degli anni '70 e '80. Si spera che i movimenti attuali servano a riscattare una parte dell'essenza con cui è nata una destinazione per la quale mezza Europa è venuta a sospirare. Perché quella gloria di ieri è pura malinconia oggi.

Torna al blog
  • Venti fino a 70 km/h sulle cime e nel sud-ovest a Tenerife

    Venti fino a 70 km/h sulle cime e nel sud-ovest...

    Secondo l' Agenzia Meteorologica Statale  (Aemet), questo sabato alle Canarie ci saranno venti da nord-est fino a 70 km/h sulle cime e nel sud-ovest In mare ci saranno venti sulle coste nord-ovest e sud-est, nord-est  forza...

    Venti fino a 70 km/h sulle cime e nel sud-ovest...

    Secondo l' Agenzia Meteorologica Statale  (Aemet), questo sabato alle Canarie ci saranno venti da nord-est fino a 70 km/h sulle cime e nel sud-ovest In mare ci saranno venti sulle coste nord-ovest e sud-est, nord-est  forza...

  • Addio al DNI per volare con Binter: arriva il riconoscimento facciale

    Addio al DNI per volare con Binter: arriva il r...

    La compagnia aerea  Binter  ha lanciato un sistema di biometria facciale che faciliterà i processi di imbarco dei suoi passeggeri. Questa nuova funzionalità è del tutto volontaria e permette al viaggiatore di superare...

    Addio al DNI per volare con Binter: arriva il r...

    La compagnia aerea  Binter  ha lanciato un sistema di biometria facciale che faciliterà i processi di imbarco dei suoi passeggeri. Questa nuova funzionalità è del tutto volontaria e permette al viaggiatore di superare...

  • Carnival 2024 di Tenerife ha generato entrate per 39 milioni di euro

    Carnival 2024 di Tenerife ha generato entrate p...

    Il Carnevale di Santa Cruz de Tenerife 2024 ha battuto tutti i record e passerà alla storia come l'edizione più partecipativa tra tutte quelle che si sono svolte negli ultimi anni. Più di...

    Carnival 2024 di Tenerife ha generato entrate p...

    Il Carnevale di Santa Cruz de Tenerife 2024 ha battuto tutti i record e passerà alla storia come l'edizione più partecipativa tra tutte quelle che si sono svolte negli ultimi anni. Più di...

1 su 3