Tolta la sorveglianza della Polizia Locale sulla playa di Las Teresitas

Tolta la sorveglianza della Polizia Locale sulla playa di Las Teresitas

La Polizia Locale di Santa Cruz de Tenerife ha interrotto i lavori di sorveglianza sulla spiaggia di Las Teresitas dallo scorso 1 dicembre, in seguito all'ordinanza emessa dal Consiglio Comunale della capitale e firmata dal commissario ad interim, Juan Francisco Márquez. 

Ordinanza con la quale gli agenti comunali addetti a tale servizio sono tornati ai rispettivi gruppi operativi, disposizione  che ha ricevuto critiche da parte dei sindacati di polizia e del gruppo socialista di opposizione.


L'assessore alla Sicurezza della Corporazione Capitale, Gladis de León, ha spiegato che questa misura è dovuta al fatto che “il dispositivo estivo è già stato disattivato con l'entrata nella stagione invernale, nonostante che anche quest'anno questo rinforzo della polizia, è stata prolungata fino al 1° dicembre, quando normalmente termina a settembre.”
De León ha precisato che "gli agenti di polizia addetti al servizio di vigilanza a Las Teresitas cominceranno ora ad integrare il dispositivo di Natale e Carnevale, il che non significa che se ci sarà una situazione di allerta per le alte temperature, la spiaggia sarà nuovamente monitorata con un dispositivo." speciale. 


Il servizio di sorveglianza della polizia balneare ha iniziato ad essere fornito dal 3 marzo “in modo permanente a Las Teresitas”, come precisa nell'ordinanza emessa dal Consiglio Comunale del 1° marzo 2023. Questo dispositivo "è stato realizzato da un pattuglia in ciascun gruppo operativo, preferibilmente composta da agenti di polizia che avevano l'uniformità balneare regolamentare , in modo tale che in caso di grande afflusso, sia durante la settimana che nei fine settimana, potevano prestare il servizio all'interno." della spiaggia e un’altra pattuglia rinforzava la zona.”


Una misura che si è deciso di mantenere fissa a causa dell'aumento delle rapine nella zona e perché sulla detta spiaggia capitale, che ha un proprio regolamento, nessun altro può svolgere funzioni di sorveglianza se non gli agenti autorizzati e adeguatamente in uniforme, con scarpe sportive e pantaloncini. .
Il delegato della CSIF presso la Polizia Locale, Jesús Illada, ha respinto la decisione di sopprimere questo servizio, che, a suo avviso, non è giustificata dalla mancanza di personale: “Se ci sono in media 40 agenti a Santa Cruz, non è una problema destinare due fissi a vigilare la playa. Inoltre, siamo stanchi del fatto che quando il dispositivo non è attivo, se dobbiamo recarci a Las Teresitas per un'emergenza, dobbiamo andare a tutta velocità in autostrada, mettendo in pericolo la nostra vita. "Cosa che non succede con il servizio di spiaggia fisso."

Illada ha ricordato che “grazie alla presenza della polizia a Las Teresitas, lo scorso maggio è stata salvata la vita di una donna che era sul punto di annegare, oltre al fatto che gli agenti controllano anche i borseggiatori o vigilano sul rispetto del divieto di "fumare nella sabbia."
Da parte sua, anche il consigliere socialista Florentino Guzmán ha criticato la decisione municipale attraverso il suo account ufficiale X, precisando che ora “le palme saranno le nuove sentinelle della spiaggia”.

Torna al blog
1 su 3