A Tenerife le banane "Rosso Canario": è l'unica zona della Spagna

A Tenerife le banane "Rosso Canario": è l'unica zona della Spagna

Associare il colore giallo alla banana è un'idea del passato. Oggi il tipico frutto delle Canarie si può trovare in una gamma di colori molto più ampia. I caratteristici granelli neri non sono più l'unico segno per identificare il prodotto locale, ora il colore rosso o blu sulla buccia indica anche che la banana è di origine canaria . Si tratta di diverse varietà che si stanno affermando nella produzione dell'isola e che sono sempre più presenti nei supermercati e nei banchi dell'Arcipelago. "Sono prodotti molto di moda , attirano l'attenzione e vengono sempre più acquistati", afferma il segretario generale dell'Associazione degli agricoltori e allevatori delle Isole Canarie (Asaga), Theo Hernando.

E non succede solo con le banane . Sono sempre più numerose le varietà “rare” di frutta e verdura disponibili sugli scaffali dei negozi. Prodotti naturali che raggiungono le Isole per l'influenza di altri territori e finiscono per essere implementati nell'Arcipelago grazie al bel tempo. "Molti latinoamericani vivono nelle Isole Canarie e richiedono prodotti che avevano nei loro paesi d'origine e questi finiscono per trovare posto qui", spiega Hernando. 

Gli agricoltori delle isole vedono l'opportunità di "differenziarsi" con nuovi prodotti e iniziare a coltivare varietà che non hanno concorrenza sul mercato. "Hanno un valore aggiunto, il che fa sì che i produttori li considerino interessanti per la loro redditività ", aggiunge il segretario generale di Asaga. 

È quello che sta accadendo con la banana rossa (Figue Rose), che nonostante sia arrivata nelle Isole ormai da anni, oggi è diventata di moda e viene prodotta sempre più in sempre più zone dell'Arcipelago. Era il 1982 quando l'Istituto Canario di Ricerca Agricola (ICIA) introdusse la varietà nell'arcipelago dell'isola caraibica della Martinica. Ma solo pochi anni fa la produzione è stata sviluppata insieme alla Federazione Agricola dei Sindacati di Tenerife (Fast) e Cultesa (Colture e Tecnologia Agraria di Tenerife). Nessuno si aspettava il risultato. "Ha superato tutte le nostre aspettative, nemmeno nei nostri sogni più sfrenati pensavamo che avrebbe avuto così tanto successo ", spiega la tecnica dell'area social di Fast, Mónica Molina. 

Fino ad ora, le Isole Canarie sono l'unica zona della Spagna in cui si coltiva questo tipo di banane. La produzione, concentrata nella provincia occidentale, è di 190.000 chili all'anno, che occupano circa sette ettari di colture. Nel 2022 erano 50.000. Da Fast assicurano che si tratta di un raccolto "abbastanza stabilizzato" che sperano di aumentare nel tempo grazie alla buona accoglienza del prodotto sul mercato. 

Il suo ciclo produttivo è più lungo, per questo cresce bene nelle zone calde del sud delle isole ed anche in coltura in serra nelle zone settentrionali. Il guscio è più spesso, il che gli conferisce robustezza e ne facilita il trasporto. È più dolce della banana convenzionale delle Canarie e la consistenza, secondo Hernando, è un po' "più densa e fibrosa". Il colore rosso è naturale, è dovuto al suo contenuto di carotenoidi antiossidanti, in particolare betacarotene. 

Blues

E ne esistono anche di colore blu (Blue Java), anche se la produzione di questa varietà è ancora meno diffusa. In un'azienda agricola di Arona (Tenerife) ci sono solo 80 piante che producono circa 1.500 chilogrammi all'anno. "I test che abbiamo effettuato hanno dato ottimi risultati, si sta evolvendo in modo soddisfacente e potrebbe essere un'opportunità per le Isole Canarie di differenziarsi perché questa coltura non si trova nei paesi occidentali", afferma Molina. Sono varietà che non solo piacciono ai consumatori locali, ma sono state ben accolte anche tra i professionisti dell'alta cucina. "Molti chef si stanno interessando alle banane colorate e le utilizzano in piatti dolci e salati", afferma Hernando. 

Questa e altre varietà sono esposte ogni giorno presso il banco di José Quintana nel mercato di Vegueta. Dopo aver lavorato per più di 50 anni circondato da tutti i tipi di frutta e verdura, sono pochissime le cose che lo sorprendono. "Ricordo le banane rosse da quando ero bambino, ma è vero che adesso me ne chiedono di più perché sono di moda", dice il fruttivendolo mentre deposita la merce negli scatoloni del negozio. Quintana assicura che esistono varietà "molto più ricche" ma riconosce che il colore rosso è molto "attraente". 

All'elenco delle varietà "meno comuni", Quintana aggiunge avocado senza semi o jackfruit. Un frutto che, secondo i suoi criteri, sa di "16 frutti diversi". Anche la mano di Buddha, canistel o anche conosciuta come frutto dell'uovo. Ce ne sono alcuni a cui vengono addirittura attribuite proprietà curative, come la soursop "Nelle Isole Canarie ci frutti per tutti i gusti, chi ama le cose tradizionali e chi ama l'innovazione", dice Quintana. 

Lo strano è più costoso

Domanda e offerta determinano anche i prezzi delle varietà di frutta e verdura più esotiche presenti sul mercato. La produzione di banane rosse e blu è ancora limitata nelle Isole, quindi il loro prezzo è più alto di quello della tradizionale banana delle Canarie. "Deve essere più costoso, in primo luogo perché non ha sovvenzioni e anche perché il suo ciclo vegetativo è più lungo e richiede più tempo", afferma il segretario generale dell'Associazione degli agricoltori e allevatori delle Isole Canarie (Asaga), Theo Hernando. . La banana gialla viene raccolta in otto o nove mesi e quella rossa necessita di altri due o tre mesi, il che ne condiziona la produzione. Sono ancora pochi i produttori dell'isola che osano coltivare questo tipo di varietà, il che li differenzia dagli altri e permette loro di aumentare un po' i prezzi. "È un vantaggio competitivo, hanno un prodotto che nessuno vende e per di più sta avendo successo sugli scaffali", afferma Hernando, che invita i produttori a diversificare le colture per dare impulso al settore. "Le colture tradizionali vengono lasciate indietro, dobbiamo innovare", sottolinea

Torna al blog
  • Altra Bandiera Blu a Tenerife: ritorna a Bajamar

    Altra Bandiera Blu a Tenerife: ritorna a Bajamar

    Da venerdì tre enclavi del litorale lagunare hanno esposto la Bandiera Blu, un riconoscimento della Federazione di Educazione Ambientale che certifica ogni anno a livello nazionale la qualità ambientale di...

    Altra Bandiera Blu a Tenerife: ritorna a Bajamar

    Da venerdì tre enclavi del litorale lagunare hanno esposto la Bandiera Blu, un riconoscimento della Federazione di Educazione Ambientale che certifica ogni anno a livello nazionale la qualità ambientale di...

  • Il bug di Microsoft ieri: in ginocchio gli aeroporti di tutto il mondo

    Il bug di Microsoft ieri: in ginocchio gli aero...

    Ieri sono stati cancellati circa 4mila voli in tutto il mondo a causa del guasto dei computer dei server Windows (Microsoft), mentre un numero molto maggiore di voli ha subito...

    Il bug di Microsoft ieri: in ginocchio gli aero...

    Ieri sono stati cancellati circa 4mila voli in tutto il mondo a causa del guasto dei computer dei server Windows (Microsoft), mentre un numero molto maggiore di voli ha subito...

  • Anche oggi temperature con punte di 34° a Tenerife

    Anche oggi temperature con punte di 34° a Tenerife

    Allarme alle Canarie per temperature massime di 36ºC nelle zone centrali e nelle montagne del sud di Gran Canaria questo sabato , e 34ºC all'interno delle isole più orientali e nelle zone centrali e...

    Anche oggi temperature con punte di 34° a Tenerife

    Allarme alle Canarie per temperature massime di 36ºC nelle zone centrali e nelle montagne del sud di Gran Canaria questo sabato , e 34ºC all'interno delle isole più orientali e nelle zone centrali e...

1 su 3