Ecco cosa si sono inventati gli "okupas" per evitare lo sfratto: ordinano la pizza

Ecco cosa si sono inventati gli "okupas" per evitare lo sfratto: ordinano la pizza

Con sempre più misure di sicurezza, per gli squatter trovano sempre più difficile entrare in una casa senza che gli agenti di polizia siano in grado di sgomberarli con una certa facilità. Ecco perché ricorrono all'ingegnosità, tecniche che impediscono alle forze di sicurezza di recuperare velocemente gli immobili per renderli ai legittimi proprietari, una volta che gli okupa si sono installati in un appartamento.

Tra questi, la cosiddetta tecnica della pizza è diventata popolare negli ultimi tempi , soprattutto da quando numerosi proprietari hanno denunciato questa pratica e a cui ha fatto eco il portale immobiliare Idealista

 È uno stratagemma che, tra l'altro, permetterà loro di continuare a vivere in casa . Gli agenti che arrivano alla chiamata dei proprietari non possono fare nulla, tanto meno sgomberarli immediatamente.

Come funziona?

Il metodo utilizzato è semplice. Quando decidono quale casa vogliono occupare, ordinano una pizza consegnata a quell'indirizzo . Quando arriva il fattorino, vengono trovati nel portale dove, oltre al cibo, chiedono il biglietto di acquisto.

Due giorni dopo stanno già entrando in casa, situazione che viene rilevata dai vicini o dagli stessi proprietari oppure scatta l'allarme della proprietà. All'arrivo dei poliziotti , gli abusivi mostrano lo scontrino della pizza , che prova che sono dentro da diversi giorni ed evita lo sgombero istantaneo, processo che dovrà poi passare per il tribunale.

La disperazione dei proprietari

Alcuni proprietari attraversano un vero e proprio calvario per riavere indietro la loro proprietà . Inoltre, i portali immobiliari propongono case o appartamenti con spazi occupati all'interno e che vengono venduti ad un prezzo inferiore rispetto al mercato.

Secondo un recente reportage su Antena 3 si possono trovare veri affari: ci sono case a 54.000 o 63.000 euro. Hanno due inconvenienti: non sono visitabili e l'acquirente deve farsi carico delle procedure di sfratto.

Insomma oltre il danno anche la beffa

Torna al blog
  • Addio al DNI per volare con Binter: arriva il riconoscimento facciale

    Addio al DNI per volare con Binter: arriva il r...

    La compagnia aerea  Binter  ha lanciato un sistema di biometria facciale che faciliterà i processi di imbarco dei suoi passeggeri. Questa nuova funzionalità è del tutto volontaria e permette al viaggiatore di superare...

    Addio al DNI per volare con Binter: arriva il r...

    La compagnia aerea  Binter  ha lanciato un sistema di biometria facciale che faciliterà i processi di imbarco dei suoi passeggeri. Questa nuova funzionalità è del tutto volontaria e permette al viaggiatore di superare...

  • Carnival 2024 di Tenerife ha generato entrate per 39 milioni di euro

    Carnival 2024 di Tenerife ha generato entrate p...

    Il Carnevale di Santa Cruz de Tenerife 2024 ha battuto tutti i record e passerà alla storia come l'edizione più partecipativa tra tutte quelle che si sono svolte negli ultimi anni. Più di...

    Carnival 2024 di Tenerife ha generato entrate p...

    Il Carnevale di Santa Cruz de Tenerife 2024 ha battuto tutti i record e passerà alla storia come l'edizione più partecipativa tra tutte quelle che si sono svolte negli ultimi anni. Più di...

  • A Tenerife tempo per lo più sereno, qualche nuvola nel pomeriggio

    A Tenerife tempo per lo più sereno, qualche nuv...

    L'  Agenzia Meteorologica Statale  (Aemet) annuncia cieli nuvolosi e temperature in diminuzione per questo venerdì alle Isole Canarie . In mare ci saranno venti forza 4 o 5 a nord-est, per poi aumentare a 5 o...

    A Tenerife tempo per lo più sereno, qualche nuv...

    L'  Agenzia Meteorologica Statale  (Aemet) annuncia cieli nuvolosi e temperature in diminuzione per questo venerdì alle Isole Canarie . In mare ci saranno venti forza 4 o 5 a nord-est, per poi aumentare a 5 o...

1 su 3