I pagamenti con il POS mettono a dura prova le piccole imprese

I pagamenti con il POS mettono a dura prova le piccole imprese

I portafogli delle Canarie pesano sempre meno e ne sono prova gli ultimi dati della Banca di Spagna . Il numero di operazioni effettuate con il dataphone, oggi noto come terminale di punto vendita (POS), è aumentato del 21% su base annua a livello nazionale nel corso del 2022. In altre parole, tramite questo sono state effettuate 7.000 milioni di operazioni bancarie tratta per un valore di oltre 230.000 milioni di euro . Questo fenomeno, la digitalizzazione dei pagamenti, colpisce soprattutto le piccole imprese, dove la monetina, che fino ad oieri era il metodo dominante, è stata sostituita dalla plastica offerta dalle società di servizi finanziari e questo comporta ovviamente dei pro, ma anche dei contro per i titolari .

Dallo smartphone alla carta di credito o debito passando per lo smart watch. Prelevare contante dal bancomat è un'azione sempre più insolita, che mette fuori mercato banconote e monete e riduce i margini di profitto del venditore. Soprattutto con l'arrivo della pandemia, quando molte piccole imprese sono state costrette a implementare il contactless (pagamento senza contatto) per non perdere le vendite.

Pagare con una carta implica che, una volta che la banca accetta l'acquisto, preleva una percentuale della transazione, tecnicamente chiamata tasso di sconto, ma colloquialmente nota come commissione.

All'atto della chiusura del contratto con l'ente, l'azienda che desidera installare un POS può scegliere tra due tipi di contratto.  Paga un importo fisso al mese o un importo variabile a seconda delle vendite. Nelle parole del presidente dell'Associazione degli imprenditori della zona di Triana della capitale di Gran Canaria, Carlos Bethencourt, le imprese con una tariffa forfettaria (importo fisso) sono "quelle più felici". Questa modalità è la più utilizzata dalle piccole imprese con un fatturato modesto. Tuttavia, la banca prevede un limite di reddito annuo dal dataphone e se lo stabilimento lo supera, può essere penalizzato.

Per questo, Bethencourt sottolinea che le imprese dove gran parte delle transazioni, circa l'80%, avviene in contanti hanno resistito a offrire il pagamento tramite dataphone. Tanto più che maggiore è il numero di transazioni effettuate con questa modalità, migliori sono le condizioni che possono essere concordate con la banca. Questo è "sofferto molto" da cartolerie, tabacchi, paninoteche e persino negozi di duplicati chiave. "Non è redditizio per loro che per un euro addebitato con un dataphone la banca prenda il 5% o il 10%", sottolinea il rappresentante degli imprenditori di Triana.

Da parte sua, il presidente della Federazione delle aree urbane delle Isole Canarie (Fauca), Abbas Moujir, assicura che il contactless è più facile, più sicuro e più comodo per negozi e hotel. "L'addebito di un cortado con una carta è già normalizzato, anche se alcuni bar o caffetterie hanno ancora un minimo di circa cinque euro", afferma Moujir, aggiungendo che il costo aggiuntivo generato da queste transazioni "è diminuito molto negli ultimi anni".

Le strutture con contratto a tasso variabile , invece, pagano alla banca una percentuale su ogni servizio o prodotto addebitato tramite il terminale di punto vendita, pertanto l'importo mensile dipende dal numero di vendite e dal loro ammontare. Questa modalità è più comune tra le aziende che gestiscono grandi cifre di fatturazione.

Nell'ultimo anno le banche hanno ricevuto quasi 895 milioni di euro per l'utilizzo del dataphone nei negozi , un numero elevato sapendo che sono 150 milioni in più rispetto a quanto generato due decenni fa quando , come indica Moujir, le commissioni erano quattro volte superiore. Dal 2002 al quarto trimestre 2022 il tasso medio di sconto generale per ogni vendita è passato dall'1,59% allo 0,37%. In altre parole, per ogni acquisto di 100 euro, 20 anni fa gli enti addebitavano 1,59 euro e ora 0,37 centesimi.

Torna al blog
  • Addio al DNI per volare con Binter: arriva il riconoscimento facciale

    Addio al DNI per volare con Binter: arriva il r...

    La compagnia aerea  Binter  ha lanciato un sistema di biometria facciale che faciliterà i processi di imbarco dei suoi passeggeri. Questa nuova funzionalità è del tutto volontaria e permette al viaggiatore di superare...

    Addio al DNI per volare con Binter: arriva il r...

    La compagnia aerea  Binter  ha lanciato un sistema di biometria facciale che faciliterà i processi di imbarco dei suoi passeggeri. Questa nuova funzionalità è del tutto volontaria e permette al viaggiatore di superare...

  • Carnival 2024 di Tenerife ha generato entrate per 39 milioni di euro

    Carnival 2024 di Tenerife ha generato entrate p...

    Il Carnevale di Santa Cruz de Tenerife 2024 ha battuto tutti i record e passerà alla storia come l'edizione più partecipativa tra tutte quelle che si sono svolte negli ultimi anni. Più di...

    Carnival 2024 di Tenerife ha generato entrate p...

    Il Carnevale di Santa Cruz de Tenerife 2024 ha battuto tutti i record e passerà alla storia come l'edizione più partecipativa tra tutte quelle che si sono svolte negli ultimi anni. Più di...

  • A Tenerife tempo per lo più sereno, qualche nuvola nel pomeriggio

    A Tenerife tempo per lo più sereno, qualche nuv...

    L'  Agenzia Meteorologica Statale  (Aemet) annuncia cieli nuvolosi e temperature in diminuzione per questo venerdì alle Isole Canarie . In mare ci saranno venti forza 4 o 5 a nord-est, per poi aumentare a 5 o...

    A Tenerife tempo per lo più sereno, qualche nuv...

    L'  Agenzia Meteorologica Statale  (Aemet) annuncia cieli nuvolosi e temperature in diminuzione per questo venerdì alle Isole Canarie . In mare ci saranno venti forza 4 o 5 a nord-est, per poi aumentare a 5 o...

1 su 3