I ristoratori di Tajao si mobilitano contro l'eolico offshore

I ristoratori di Tajao si mobilitano contro l'eolico offshore

I rappresentanti delle 10 associazioni di pescatori di Tenerife, i ristoratori di San Miguel de Tajao e persino gli scolari di Arico si sono incontrati ieri, dalle dieci alle dodici del mattino, davanti alla sede dell'Autorità portuale per manifestare il loro rifiuto della futura installazione di un impianto eolico al largo di Güímar, Fasnia, Arico e Granadilla de Abona, come indicato nel POEM ( Piano per la gestione degli spazi marini ) del Ministero della Transizione Ecologica.

Sebbene il consigliere regionale per la transizione ecologica, José Antonio Valbuena , riconosca che queste installazioni "non arriverà almeno fino al 2030, quando Tenerife avrà un centro di stoccaggio. Ma comunque si ritiene che l'installazione di questi parchi marini, sia quelli ancorati sul fondo che quelli attaccati a piattaforme, "non siano compatibili con la pesca", ha ricordato Fran García, direttore dell'associazione dei pescatori di San Miguel de Tajao, una piccola città costiera in Arico dove l'intera economia si basa sul pesce, come i suoi 13 ristoranti.

Pertanto ritiene che l'installazione di questi generatori, fino a cinque a meno di 500 metri dalla costa di Arico e Granadilla, determinerebbe "la morte della pesca e la scomparsa di Tajao come città, dove tutti vivono di pesca e dei 13 ristoranti che offrono pesce fresco.

Questo “non significa che siamo contrari alle energie alternative, ma piuttosto che a Tenerife è difficile estrapolare questo tipo di energia, soprattutto quando la piattaforma continentale è così corta. Nessuno è contrario a niente, ma sono contrari all'abbinamento delle energie alternative con la pesca, e così non si può fare, perché si parla di pesca costiera, non d'altura, molto costiera”.


Ha anche sottolineato che "non stiamo parlando del Mar Baltico, dove ci sono zone con poco traffico e vita". Per finire, "è oltraggioso collocare tutti quei mulini a vento in uno spazio così piccolo, ma sappiamo già che questa è una lotta tra Davide e Golia".

Torna al blog
1 su 3