Influenza A, covid... Quando devo andare al pronto soccorso?

Influenza A, covid... Quando devo andare al pronto soccorso?

Le sale d'attesa degli ambulatori e degli ospedali sono sature da settimane di pazienti affetti da influenza, covid e altre patologie respiratorie tipiche di questo periodo dell'anno. La coincidenza temporale di più virus (tripledemia) ha messo in scacco il sistema sanitario, che ha reali problemi ad assorbire tanta domanda. 

Tuttavia, non è sempre necessario rivolgersi al medico. "In questi casi è molto importante avere un'idea chiara di ciò che è urgente, di ciò che deve essere visto ma può aspettare, oppure di ciò che possiamo risolvere a casa senza dover andare in ambulatorio", spiega il dottor Juan Carlos Montalvá , coordinatore del Gruppo di Lavoro d'Emergenza della Società Spagnola di Cure Primarie (Semergen). Queste sono alcune chiavi per sapere quando dobbiamo correre dal medico o semplicemente andare in farmacia.

Gravità e intensità dei sintomi, la chiave

«La maggior parte delle infezioni respiratorie di cui soffriamo in questo periodo dell’anno sono lievi e temporanee. "Se quello che abbiamo è un piccolo mal di testa, un naso che cola, un po' di febbre e un malessere per qualche giorno, può bastare andare in farmacia, discutere di quello che ci sta succedendo e lasciarci consigliare cosa è meglio per noi in ogni caso", sottolinea Carlos Fernández Moriano, capo dell'Area di Divulgazione Scientifica del Consiglio Generale dei Farmacisti.

Tuttavia, se il paziente appartiene ad un gruppo a rischio (neonati, persone di età superiore a 65 anni, donne incinte, persone immunocompromesse, persone malate di cancro...) o se i sintomi peggiorano nel tempo (febbre alta, difficoltà respiratorie, mal di testa, forti testa e muscoli intensi), è consigliabile fissare una visita con il medico di famiglia. L'urgenza di essere visitati da uno specialista dipenderà dalla sua gravità e intensità. «La sensazione che un camion ci abbia investito è spiacevole e fastidiosa, ma in genere non è grave. Avendo difficoltà a respirare, sì.

"La durata dei sintomi del raffreddore è solitamente di una settimana, anche se la tosse può durare fino a quindici giorni, mentre l'influenza impiega un po' più di tempo per scomparire, circa dieci giorni", specificano nella Società Spagnola dei Medici. Assistenza primaria (Semergen).

Ospedale o ambulatorio?

L'approccio quando si va al pronto soccorso prevede tre passaggi e "dobbiamo rispettarli, per quanto possibile, per non far crollare il sistema". I primi sono gli ambulatori. Se una persona ha un'infezione respiratoria che dura nel tempo, dovrebbe recarsi presso il proprio centro sanitario per farla controllare. «I medici di famiglia hanno l'obbligo di vedere questi pazienti anche se non hanno appuntamento perché considerata un'emergenza urgente. Ciò che accade spesso è invece che la gente si reca in ospedale direttamente, perché l'ambulatorio impiega un po' di tempo per rispondere al telefono o perché pensano che le cure saranno più rapide. Così alla fine il pronto soccorso si  satura," lamenta il dottor Juan Carlos Montalvá, che vede il 40% di pazienti in più dall’inizio della pandemia.

Al di fuori degli orari dei centri medici, il passo successivo, a seconda del livello di urgenza, sono i Continuing Care Points (PAC), "che sono perfettamente qualificati per risolvere una malattia catarrale virale o per eseguire test sullo streptococco in caso di tonsillite, per esempio", spiegano gli esperti. E, infine, ci sono le emergenze ospedaliere, alle quali "devono rivolgersi pazienti che appartengono a gruppi a rischio o che presentano sintomi che non solo non si attenuano ma peggiorano con il passare dei giorni: un anziano con difficoltà respiratorie, una donna incinta la cui febbre non si placa, un bambino...”, elencano gli esperti.

Cosa posso bere?

Se quello che abbiamo è l’influenza, il covid o un raffreddore senza conseguenze importanti oltre al disagio tipico di queste malattie, quello che possiamo fare è utilizzare il kit di pronto soccorso per rendere il processo più sopportabile. «Gli anticatarrali, che possono essere dispensati senza prescrizione medica e non presentano grossi effetti collaterali, comprendono solitamente una combinazione di diversi principi attivi che aiutano a migliorare le condizioni generali del paziente. La cosa più comune è un analgesico (ibuprofene, paracetamolo, acido acetilsalicilico...) per ridurre la febbre e alleviare il dolore; un antistaminico (clorfenamina) per ridurre il prurito agli occhi, gli starnuti e il naso che cola; e un decongestionante (fenilefrina, pseudoefedrina...) per "sturare" il naso," spiega Carlos Fernández Moriano.

Per trattare la tosse, è importante distinguere tra tosse secca e produttiva. Nel primo caso si può ricorrere a farmaci antitosse (destrometorfano), mentre se viene espulso il catarro bisogna assumere un mucolitico (acetilcisteina, carbocisteina...) per aiutarlo a diventare più fluido. L'Associazione Spagnola di Pediatria (AEP) sconsiglia l'uso di farmaci anti-raffreddore nei bambini sotto i 12 anni di età.

Torna al blog
  • Sequestrati a Tenerife 2016 chili di angurie importate illegalmente

    Sequestrati a Tenerife 2016 chili di angurie im...

    Il Servizio fitosanitario del Ministero dell'Agricoltura, dell'Allevamento, della Pesca e della Sovranità Alimentare del Governo delle Isole Canarie ha sequestrato nell'arcipelago 1.546 chili di angurie provenienti dalla Costa Rica e,...

    Sequestrati a Tenerife 2016 chili di angurie im...

    Il Servizio fitosanitario del Ministero dell'Agricoltura, dell'Allevamento, della Pesca e della Sovranità Alimentare del Governo delle Isole Canarie ha sequestrato nell'arcipelago 1.546 chili di angurie provenienti dalla Costa Rica e,...

  • Rimarcati i pericoli di una dieta ricca di frutti di mare

    Rimarcati i pericoli di una dieta ricca di frut...

    Un gruppo di scienziati del Dartmouth College, un istituto universitario del New Hampshire (USA), ritiene che le persone che seguono una dieta ricca di frutti di mare possono correre il...

    Rimarcati i pericoli di una dieta ricca di frut...

    Un gruppo di scienziati del Dartmouth College, un istituto universitario del New Hampshire (USA), ritiene che le persone che seguono una dieta ricca di frutti di mare possono correre il...

  • Calima e temperature fino a 30ºC questo martedì alle Canarie

    Calima e temperature fino a 30ºC questo martedì...

    L' Agenzia Meteorologica Statale (AEMET) prevede per questo martedì, 16 aprile, cielo sereno, leggera foschia e fino a 30º C su isole come Fuerteventura, Gran Canaria e La Palma. Sul mare ci saranno da est...

    Calima e temperature fino a 30ºC questo martedì...

    L' Agenzia Meteorologica Statale (AEMET) prevede per questo martedì, 16 aprile, cielo sereno, leggera foschia e fino a 30º C su isole come Fuerteventura, Gran Canaria e La Palma. Sul mare ci saranno da est...

1 su 3