L'albero più antico d'Europa si trova a Tenerife, sul Monte Teide

L'albero più antico d'Europa si trova a Tenerife, sul Monte Teide

L'albero più antico d'Europa si trova a Tenerife, sul Monte Teide . La sua età: 1.481 anni. Uno studio di un gruppo di ricercatori dell'Istituto Universitario di Gestione Forestale Sostenibile dell'Università di Valladolid, dell'Università Rey Juan Carlos e del Parco Nazionale del Teide, pubblicato sulla rivista scientifica Ecology della Ecological Society of America, ha individuato un cedro delle Canarie ( Juniperus cedrus ) di una prodigiosa antichità. 

«Su questo esemplare è stata applicata la tecnica del radiocarbonio ed è risultato che ha 1.481 anni, quindi è 400 anni più vecchio dell'albero che fino ad ora era considerato il più antico, un pino della Grecia popolarmente soprannominato Adone», ha reso noto questo giovedì il Cabildo de Tenerife

«Due anni fa, nel 2019, il Parco Nazionale del Teide ha identificato un esemplare noto come El Patriarca come l'albero più antico dell'area naturale protetta ; Tuttavia, questo nuovo studio conferma che esistono esemplari ancora più antichi”, ha indicato l'assessore alla gestione e alla sicurezza dell'ambiente naturale del Cabildo, Isabel García. 

«Il Parco Nazionale è un grande laboratorio scientifico in costante evoluzione, e ne è prova questa importante analisi che scava nella presenza dei cedri delle Canarie sulle cime dell'Isola in un momento in cui la vegetazione poteva essere molto diversa da quella attuale, " Ha aggiunto. Nello specifico, anche El Patriarca è un cedro, sebbene abbia 1.118 anni , secondo i dati resi noti dopo la sua scoperta.

Dal Cabildo hanno precisato che l'accesso a queste popolazioni di Juniperus cedrus , una specie originaria delle Isole Canarie, "è abbastanza difficile poiché vivono arroccati su falesie di roccia vulcanica accessibili solo con tecniche di arrampicata avanzate".Gli scienziati hanno vinto questa sfida "grazie alla collaborazione di alpinisti locali, esperti nel lavoro di conservazione nelle aree di scogliera e coautori del lavoro". 

Una specie che riemerge

Wolfredo Wilpret, professore emerito di botanica all'Università di La Laguna e autorità in questo campo, ha ricordato ieri che il cedro era vicino all'estinzione. Il motivo principale è stato l'eccessivo sfruttamento dovuto al fatto che se ne ricavava un legno "nobilissimo e non putrescibile". 

La situazione è cambiata con la dichiarazione del Parco Nazionale del Teide nel 1954, poiché lì "era già vietato svolgere qualsiasi attività estrattiva". Wilpret questo giovedì non era a conoscenza dei dettagli dello studio condotto attorno all'esemplare ora localizzato, ma ha evidenziato che il cedro è endemico delle Isole Canarie e che appartiene alla stessa famiglia dei ginepri.

L'istituto dell'isola ha annunciato ieri che i ricercatori hanno scoperto che molti degli esemplari studiati avevano più di 1.000 anni e che uno di loro aveva addirittura 1.481 anni. “Molti degli alberi che abbiamo trovato hanno più di 1.000 anni e abbiamo esaminato solo una piccola parte di ciò che c'è, il che ci fa pensare che stiamo solo grattando la superficie di quella che potrebbe essere una delle sacche più importanti degli alberi anziani del pianeta”, ha sottolineato il ricercatore Gabriel Sangüesa, uno degli autori del lavoro.

Questi antichi alberi sono stati in grado di superare cinque eruzioni vulcaniche negli ultimi 500 anni, continue cadute di massi e prosperare in un clima freddo e arido con quasi nessun suolo. "Gli alberi prosperano molto meglio in pianura, ma per persistere hanno dovuto rifugiarsi nelle scogliere, poiché l'azione dell'uomo è stata molto più devastante di quella dei vulcani", ha detto José Miguel Olano, anche ricercatore dell'Università di Valladolid a Soria e coautore dell'opera.

“Questi alberi non solo sono vecchi, ma anche, insieme alle misure di conservazione e protezione derivate dalla creazione del Parco Nazionale, stanno ricolonizzando le pianure da cui sono stati espulsi. Il frutto dei cedri viene disperso dall'azione degli uccelli , quindi gli esemplari sopravvissuti nelle zone più aspre stanno permettendo il recupero delle antiche foreste di cedri del parco", ha affermato José Luis Martín Esquivel, coautore dello studio e biologo conservatore al Parco Nazionale del Teide.

Torna al blog
  • Costa del Silencio proposte soluzioni al degrado del Paseo Marítimo

    Costa del Silencio proposte soluzioni al degrad...

    I residenti di Costa del Silenzio nel comune di Arona denunciano lo stato attuale preoccupante del Paseo Marítimo de Costa del Silencio . Il lungomare, uno dei gioielli turistici della zona, comincia a mostrare...

    Costa del Silencio proposte soluzioni al degrad...

    I residenti di Costa del Silenzio nel comune di Arona denunciano lo stato attuale preoccupante del Paseo Marítimo de Costa del Silencio . Il lungomare, uno dei gioielli turistici della zona, comincia a mostrare...

  • Grazie a Sánchez si decuplicano gli "Okupas" stranieri

    Grazie a Sánchez si decuplicano gli "Okupas" st...

    I reati di usurpazione e violazione di proprietà commessi da stranieri hanno avuto un aumento allarmante dal 2018 , raggiungendo cifre che hanno già superato i 4.000 casi nel 2023. Si nota...

    Grazie a Sánchez si decuplicano gli "Okupas" st...

    I reati di usurpazione e violazione di proprietà commessi da stranieri hanno avuto un aumento allarmante dal 2018 , raggiungendo cifre che hanno già superato i 4.000 casi nel 2023. Si nota...

  • Feste patronali di Granadilla de Abona iniziano questo venerdì

    Feste patronali di Granadilla de Abona iniziano...

    Granadilla de Abona si prepara ad iniziare le Feste Patrone del 2024 in onore di Sant'Antonio di Padova e di Nuestra Señora del Rosario . La programmazione degli eventi, guidata dall'Assessorato alla Cultura e Festival diretto da Francisco...

    Feste patronali di Granadilla de Abona iniziano...

    Granadilla de Abona si prepara ad iniziare le Feste Patrone del 2024 in onore di Sant'Antonio di Padova e di Nuestra Señora del Rosario . La programmazione degli eventi, guidata dall'Assessorato alla Cultura e Festival diretto da Francisco...

1 su 3