L'avocado delle Isole Canarie "combatte" a Bruxelles per il suo IGP

L'avocado delle Isole Canarie "combatte" a Bruxelles per il suo IGP

L'avocado delle Canarie continua la sua 'lotta' per ottenere l'indicazione geografica protetta (IGP). Dopo che a maggio il Ministero dell'Agricoltura ha trasmesso la richiesta del marchio di qualità alla Commissione Europea, chiedendo miglioramenti e chiarimenti, l'Associazione delle Organizzazioni di Produttori di Avocado delle Isole Canarie, Asguacan, che ha promosso l'iniziativa, sta lavorando in un proposta che ottiene la tanto attesa approvazione da Bruxelles. Quindi, se tutto andrà come previsto, il frutto conosciuto come "oro verde" raggiungerà lo stesso status che ha già la banana dell'isola nel primo o nel secondo trimestre del prossimo anno.

L'IGP prevede che il prodotto abbia una qualità differenziata in base all'origine. Una questione che Asguacan difende e che l'avocado soddisfa perfettamente. Perché? A causa del clima delle isole e del terreno vulcanico in cui crescono gli alberi di avocado. Inoltre, capisce che la reputazione e la notorietà sono più che evidenti perché è coltivato nell'Arcipelago da più di 200 anni e le terre a lui dedicate sono in aumento .

Sebbene nel 2010 la superficie coltivata ad avocado nelle Isole fosse di 977 ettari, nel 2021 era già cresciuta fino a 2.255 ettari. Cioè in 20 anni è aumentato del 131%, l'incremento maggiore rispetto al resto della frutta e della verdura prodotta nell'Arcipelago. Mentre la superficie coltivata totale è diminuita del 5,3%, quella destinata all'“oro verde” è salita alle stelle.

Naturalmente, questo regime di “status elevato” ha anche una controparte. E ottenere l’IGP implica che l’intera filiera, dai produttori ai commercianti, sarà soggetta a controlli e audit sia pubblici che privati . "Ciò darà tranquillità ai consumatori perché garantirà che il frutto sia di qualità", sottolinea la direttrice di Asguacan, María Gabriela Pérez.

'Avocado delle Isole Canarie', questo è il bollino con cui gli agricoltori vogliono esportare il prodotto, che sarebbe la prima e unica indicazione geografica protetta che questo frutto ottiene nel mondo. Pérez sottolinea che questo sigillo approvato dall'Unione Europea (UE) consentirà al prodotto di essere posizionato commercialmente, poiché sarà differenziato dalle varietà coltivate a Malaga o in altri luoghi.

Il grande concorrente è dall’altra parte dell’oceano: l’America Latina. Lì, la produzione massiccia consente di abbassare i prezzi a livelli che l'avocado dell'isola non può permettersi. Ma ci sono due vantaggi a favore delle Isole Canarie che possono essere rafforzati con distinzione: la vicinanza e il sapore. Una nave carica impiega 30 giorni per attraversare l’Atlantico. Genera una grande impronta di carbonio e una volta consumato si assapora il viaggio che il prodotto ha dovuto compiere, cosa che non accade con quelli coltivati ​​nelle isole, sottolinea l'organizzazione degli agricoltori.  

Prima veniva esportato in media il 17% della produzione, ma negli ultimi anni la quota è scesa al 10% a causa delle alte temperature , che rovinano il raccolto. A La Palma , l'isola che produce di più insieme a Tenerife e Gran Canaria , l'80% di quanto piantato è andato perso nel solo comune di Tijarafe. In effetti, questi allarmi di caldo non hanno fatto germogliare "quasi nulla" in estate, dice Pérez, e i prezzi sono saliti alle stelle fino a 13 euro al chilo.

Anche se la superficie coltivata è aumentata, non è ancora apprezzata nell'offerta perché l'albero impiega in media quattro anni per crescere. Il manager indica che entro la stagione 2024-2025, quelli piantati nel 2021 saranno già in età per dare frutti, quindi la quantità di produzione locale aumenterà notevolmente. Secondo gli ultimi dati, pubblicati nel 2021, nelle Isole vengono prodotte 10.973 tonnellate, di cui 7.158 servono a soddisfare la domanda totale dell'Arcipelago.

Come le banane, i manghi, la papaya e gli ananas tropicali, anche gli avocado nelle Isole Canarie sono soggetti all'ordinanza del 12 marzo 1987. Ciò implica che le importazioni sono vietate per impedire l'ingresso di parassiti, in altre parole, tutto ciò che viene consumato è chilometrico zero.

Torna al blog
  • Festa della birra a Los Cristianos domani.... e non solo

    Festa della birra a Los Cristianos domani.... e...

    Questo fine settimana il sud di Tenerife ospiterà una festa della birra. Domani, la baia di Los Cristianos ospiterà a partire dalle 12:00 il Son del Mar Beer Festival , un incontro ad ingresso gratuito in cui non...

    Festa della birra a Los Cristianos domani.... e...

    Questo fine settimana il sud di Tenerife ospiterà una festa della birra. Domani, la baia di Los Cristianos ospiterà a partire dalle 12:00 il Son del Mar Beer Festival , un incontro ad ingresso gratuito in cui non...

  • Il pellegrinaggio di fratello Pedro già più di mezzo migliaio iscritti

    Il pellegrinaggio di fratello Pedro già più di ...

    Il percorso del Camino del Hermano Pedro coprirà ancora una volta, come 17 anni fa, i quasi 19 chilometri che corrono tra Vilaflor e lo spazio religioso di La Cueva,...

    Il pellegrinaggio di fratello Pedro già più di ...

    Il percorso del Camino del Hermano Pedro coprirà ancora una volta, come 17 anni fa, i quasi 19 chilometri che corrono tra Vilaflor e lo spazio religioso di La Cueva,...

  • Le temperature diminuiscono di qualche grado oggi a Tenerife

    Le temperature diminuiscono di qualche grado og...

    Secondo l' Agenzia Meteorologica Statale (Aemet) , oggi 18 aprile alle Isole Canarie predomineranno nuvolosità elevata, temperature massime in diminuzione e venti leggeri da nord. In mare saranno da 1 a 3 variabili con brezze, tendenti...

    Le temperature diminuiscono di qualche grado og...

    Secondo l' Agenzia Meteorologica Statale (Aemet) , oggi 18 aprile alle Isole Canarie predomineranno nuvolosità elevata, temperature massime in diminuzione e venti leggeri da nord. In mare saranno da 1 a 3 variabili con brezze, tendenti...

1 su 3