Le Canarie incatenano tre anni di supercalima senza precedenti

Le Canarie incatenano tre anni di supercalima senza precedenti

Pochi giorni prima che scoppiasse la crisi del coronavirus in tutta la Spagna - a cominciare dalle Isole Canarie - l'Arcipelago ha subito uno degli episodi di calima più intensi della sua storia. Il 22 febbraio 2020, i cieli sono diventati ocra. La popolazione ha dovuto confinarsi in casa per evitare di inalare la polvere in sospensione e i danni legati alla visibilità molto bassa e al forte vento che l'accompagnava. Quella supercalima è stata la prima di molte. Oltre a successivi episodi meno intensi, le Isole Canarie hanno ricevuto due impulsi consecutivi di polvere sospesa in meno di due anni (gennaio 2022), che hanno nuovamente riempito i cieli di sabbia del deserto. 

Ora, secondo le prime analisi effettuate nell'ambito del progetto Aero-Extreme, dell'Istituto di Prodotti Naturali e Agrobiologia del Consiglio Superiore della Ricerca Scientifica (IPNA-CSIC) , è stato possibile verificare che questi episodi siano senza precedenti nella storia delle Isole Canarie. . "Mai prima d'ora sono stati registrati episodi di questa natura", spiega Sergio Rodríguez , ricercatore principale del progetto i cui risultati saranno pubblicati nel corso di quest'anno. 

Le Isole Canarie hanno registrato dati sulle concentrazioni di particelle respirabili di tipo PM10 (inferiori a 10 micron) in modo generale dal 2005, quando è entrata in vigore la direttiva europea che è venuta a regolamentare le particelle inquinanti. Tuttavia, dispone anche di dati raccolti dall'Izaña Atmospheric Center dal 1987. In nessuno dei due casi, "è stato visto un episodio di foschia simile a questo". La cosa più insolita di questi eventi è che sono stati così intensi da "saturare" i metri di particolato presenti nell'aria. Motivo per cui questo gruppo di scienziati ha dovuto creare un nuovo metodo per "ricostruire" la quantità di particelle di polvere sahariana che si sono accumulate nelle Isole Canarie durante questi episodi .

"Gli analizzatori di solito hanno un limite di 1.000 microgrammi per metro cubo", riferisce Rodríguez. I produttori hanno deciso che questo sarebbe stato un limite adeguato per misurare l'inquinamento atmosferico nelle città europee. "Ovunque, superare questo indicatore con emissioni inquinanti sarebbe inaudito", sottolinea il ricercatore che però insiste sul fatto che nelle Isole Canarie ci sono più fattori che determinano l'inquinamento atmosferico. Ancora oggi, però, nell'Arcipelago non è possibile decidere tra contaminazione naturale e umana, il che fa sì che il suo nome figuri continuamente tra le regioni più inquinate dell'Unione Europea.

In un recente studio di Ecologistas en Acción , infatti, le Isole Canarie appaiono come la comunità autonoma in cui l'inquinamento da PM10 cresce maggiormente nel 2022, con un aumento del 59% rispetto al periodo 2012-2019. Un dato molto lontano da quelli registrati nel resto delle regioni spagnole e che gli stessi firmatari del rapporto attribuiscono alla maggiore frequenza di episodi di intrusione di polvere africana.

Nell'ultimo anno, praticamente tutte le stazioni hanno superato il limite giornaliero stabilito dalla normativa europea (50 microgrammi per metro cubo) in molti più giorni rispetto ai 35 consentiti. Inoltre, un terzo degli analizzatori ha superato il valore limite annuo (40 microgrammi per metro cubo). I record peggiori si sono registrati nelle stazioni di San Agustín, Castillo del Romeral e ITC Santa Lucía, a Gran Canaria, dove sono stati superati 82, 72 e 69 volte il valore limite giornaliero.

Ad oggi la calima è diventata un vero e proprio ostacolo per conoscere la reale situazione di inquinamento delle isole . "La rete di sorveglianza della qualità dell'aria del governo delle Isole Canarie non consente di conoscere l'origine delle particelle PM10", sottolinea Sergio Rodríguez. Pertanto, è impossibile separare la foschia e il sale marino – particelle naturali – dalle emissioni locali di veicoli, navi o industrie.

Dall'esigenza di valutare il grado di inquinamento reale nelle Isole, senza interferenze della calima, e poter quantificare la riduzione degli inquinanti dovuta alle politiche europee sulla qualità dell'aria, nasce il Laboratorio di qualità dell'aria delle Isole Canarie, una nuova e unica infrastruttura che mira a "quantificare i contributi dell'inquinamento umano e delle particelle naturali alle particelle respirabili PM 10 e PM 2,5" presenti nell'aria che respira la popolazione delle Canarie. "Le Canarie non hanno le stesse caratteristiche del resto dell'Unione Europea, le intrusioni aeree sahariane sono molto più frequenti e intense che nel continente", insiste.

Per discriminare tra cause "naturali" e antropiche, e quindi poter adottare misure energiche per porre fine all'inquinamento atmosferico nell'Arcipelago, i ricercatori ritengono necessario "conoscere la composizione chimica delle particelle respirabili, nonché la loro evoluzione nel tempo", spiega Rodriguez. "L'idea è che il governo delle Isole Canarie possa gestire la qualità dell'aria con dati scientifici", insiste il ricercatore. Non a caso questo Laboratorio nasce dalla collaborazione del Ministero della Transizione Ecologica, della Lotta ai Cambiamenti Climatici e della Pianificazione Territoriale e dell'IPNA-CSIC.

Questi episodi, che cominciano ad essere un problema anche per la Penisola, hanno richiamato l'attenzione della comunità scientifica che sta cercando di trovare risposte alle incognite che nascono da questi nuovi fenomeni. Nel progetto Aero-Extreme, finanziato dal Ministero della Scienza, si studiano gli scenari in cui si verificano i surriscaldamenti, la loro relazione con i cambiamenti climatici e le proprietà delle polveri che influenzano il clima. Lo faranno grazie ai campioni raccolti dagli eventi supercalima degli ultimi anni. Il progetto studia anche gli eventi estremi di aerosol vulcanici dall'eruzione della Palma nel 2021.

Infine, questo studio vuole anche aiutare a migliorare il processo decisionale quando un evento estremo come questo si insinua nell'Arcipelago. "Gli eventi di aerosol estremi non sono sempre adeguatamente previsti dai modelli di previsione", spiega Rodríguez, che insiste sul fatto che, tuttavia, i loro impatti sulla vita e sull'economia sono tangibili poiché spesso costringono alla chiusura sia della navigazione aerea che marittima "Questo progetto non solo fornirà conoscenze scientifiche, ma fornirà anche informazioni per gestire futuri eventi estremi", afferma.

Torna al blog
  • Costa del Silencio proposte soluzioni al degrado del Paseo Marítimo

    Costa del Silencio proposte soluzioni al degrad...

    I residenti di Costa del Silenzio nel comune di Arona denunciano lo stato attuale preoccupante del Paseo Marítimo de Costa del Silencio . Il lungomare, uno dei gioielli turistici della zona, comincia a mostrare...

    Costa del Silencio proposte soluzioni al degrad...

    I residenti di Costa del Silenzio nel comune di Arona denunciano lo stato attuale preoccupante del Paseo Marítimo de Costa del Silencio . Il lungomare, uno dei gioielli turistici della zona, comincia a mostrare...

  • Grazie a Sánchez si decuplicano gli "Okupas" stranieri

    Grazie a Sánchez si decuplicano gli "Okupas" st...

    I reati di usurpazione e violazione di proprietà commessi da stranieri hanno avuto un aumento allarmante dal 2018 , raggiungendo cifre che hanno già superato i 4.000 casi nel 2023. Si nota...

    Grazie a Sánchez si decuplicano gli "Okupas" st...

    I reati di usurpazione e violazione di proprietà commessi da stranieri hanno avuto un aumento allarmante dal 2018 , raggiungendo cifre che hanno già superato i 4.000 casi nel 2023. Si nota...

  • Feste patronali di Granadilla de Abona iniziano questo venerdì

    Feste patronali di Granadilla de Abona iniziano...

    Granadilla de Abona si prepara ad iniziare le Feste Patrone del 2024 in onore di Sant'Antonio di Padova e di Nuestra Señora del Rosario . La programmazione degli eventi, guidata dall'Assessorato alla Cultura e Festival diretto da Francisco...

    Feste patronali di Granadilla de Abona iniziano...

    Granadilla de Abona si prepara ad iniziare le Feste Patrone del 2024 in onore di Sant'Antonio di Padova e di Nuestra Señora del Rosario . La programmazione degli eventi, guidata dall'Assessorato alla Cultura e Festival diretto da Francisco...

1 su 3