Le Isole Canarie tornano a essere una meta preferita dai turisti

Le Isole Canarie tornano a essere una meta preferita dai turisti

È già una realtà. Le Canarie sono tornate ad essere una meta turistica stellare . Se prima della pandemia le Isole battevano tutti i record di visitatori (ben 15,9 milioni nel 2019), ora tornano sulla scena turistica con più forza. Né l'alta inflazione, che ha fatto salire del 24% i prezzi degli hotel, né l'aumento dei prezzi del carburante, che ha fatto salire anche i prezzi dei biglietti, né la guerra in Ucraina, hanno fermato i turisti, che, nonostante tutto, hanno ancora voglia di viaggiare. Ciò ha fatto sì che l'Arcipelago non solo abbia per questi giorni numeri uguali e addirittura superiori a quelli del 2019, ma sia stato anche scelto come meta preferita in Europa.

 

Con i dati alla mano, la maggior parte delle isole ha superato il 90% di occupazione alberghiera, evidenziando isole come La Palma o La Gomera, che forniscono il 95% di pieno. Questo non è solo per gli hotel, anche il turismo rurale e gli stabilimenti per le vacanze sono vicini al completamento.

 

Le previsioni del traffico aereo negli aeroporti delle Canarie questa Pasqua indicano una ripresa del traffico superiore a quello del 2019 prima della pandemia. Aena prevede un totale di 12.977 operazioni per quest'anno, rispetto alle 12.344 registrate nello stesso periodo festivo del 2019. In questi giorni, tra il giovedì santo e il prossimo lunedì, gli aeroporti delle Isole Canarie opereranno 5.900 voli, che rappresentano un aumento di 6 49 % rispetto al 2019, anno pre-pandemia in cui sono state effettuate 5.540 operazioni.

Del totale dei voli che Aena prevede di operare in questi cinque giorni, 3.328 sono nazionali, mentre 2.572 internazionali. Nel resto dei giorni di Pasqua, sarà domani quando si prevede che più voli opereranno negli aeroporti delle Isole Canarie, in particolare si stima che raggiungeranno 1.417, seguiti da domenica, che si attesteranno a 1.276.

 

Per quanto riguarda le strutture alberghiere ed extralberghiere delle Canarie, si prevede una settimana di Pasqua con un'occupazione media dell'80% nelle isole della provincia di Las Palmas, ad eccezione di Fuerteventura, dove è previsto un minimo del 90%, mentre in quelli di Santa Cruz de Tenerife sarà superiore all'80%. Un pieno quasi assoluto che ci riporta a tempi precedenti la pandemia. Lo ha già detto questa settimana il presidente di Ashotel, Jorge Marichal: "Speriamo che il 2023 sia l'anno del consolidamento nel settore". Gli albergatori però non vogliono tirare i campanelli al volo e affermano che non si può ancora parlare di ripresa turistica “completa”, tenendo conto che ci sono alcuni mercatini “praticamente chiusi o con poco movimento”.

Gli inglesi continuano ad essere la nostra stella e il mercato più fedele. E nonostante i prezzi siano aumentati in tutto ciò che riguarda il settore dell'ospitalità, le Isole Canarie continuano ad essere una delle destinazioni più economiche per trascorrere le vacanze. Il presidente dell'associazione dei datori di lavoro ha stimato del 16% l'aumento dell'area del cibo e delle bevande, a cui si aggiungono i costi energetici, che in alcuni mesi sono diminuiti, ma in altri sono triplicati. Va inoltre tenuto conto che gli effetti della riforma del lavoro e dei successivi contratti collettivi che sono stati migliorati incidono anche sull'economia di scala dei costi dell'attività alberghiera.

Secondo Simon-Kucher, consulente di strategia e marketing, le Isole Canarie e le Isole Baleari sono le destinazioni più economiche per viaggiare questa Pasqua, con prezzi inferiori ai 100 euro a notte. Tutto questo quando i prezzi degli hotel nelle principali destinazioni turistiche spagnole si attestano a una media di 183 euro a notte, prezzi più alti del 40% rispetto allo scorso anno. Città di radicata tradizione in questi giorni, come Siviglia e Malaga, guidano la classifica delle tariffe a Pasqua, superando la barriera dei 300 euro, con un'occupazione vicina al 90% in queste date.

 

Il turismo prosegue, quindi, sulla strada di un'inarrestabile ripresa che gli imprenditori si augurano prosegua anche in estate e chiuda così l'anno con cifre da record.

Torna al blog
  • Costa del Silencio proposte soluzioni al degrado del Paseo Marítimo

    Costa del Silencio proposte soluzioni al degrad...

    I residenti di Costa del Silenzio nel comune di Arona denunciano lo stato attuale preoccupante del Paseo Marítimo de Costa del Silencio . Il lungomare, uno dei gioielli turistici della zona, comincia a mostrare...

    Costa del Silencio proposte soluzioni al degrad...

    I residenti di Costa del Silenzio nel comune di Arona denunciano lo stato attuale preoccupante del Paseo Marítimo de Costa del Silencio . Il lungomare, uno dei gioielli turistici della zona, comincia a mostrare...

  • Grazie a Sánchez si decuplicano gli "Okupas" stranieri

    Grazie a Sánchez si decuplicano gli "Okupas" st...

    I reati di usurpazione e violazione di proprietà commessi da stranieri hanno avuto un aumento allarmante dal 2018 , raggiungendo cifre che hanno già superato i 4.000 casi nel 2023. Si nota...

    Grazie a Sánchez si decuplicano gli "Okupas" st...

    I reati di usurpazione e violazione di proprietà commessi da stranieri hanno avuto un aumento allarmante dal 2018 , raggiungendo cifre che hanno già superato i 4.000 casi nel 2023. Si nota...

  • Feste patronali di Granadilla de Abona iniziano questo venerdì

    Feste patronali di Granadilla de Abona iniziano...

    Granadilla de Abona si prepara ad iniziare le Feste Patrone del 2024 in onore di Sant'Antonio di Padova e di Nuestra Señora del Rosario . La programmazione degli eventi, guidata dall'Assessorato alla Cultura e Festival diretto da Francisco...

    Feste patronali di Granadilla de Abona iniziano...

    Granadilla de Abona si prepara ad iniziare le Feste Patrone del 2024 in onore di Sant'Antonio di Padova e di Nuestra Señora del Rosario . La programmazione degli eventi, guidata dall'Assessorato alla Cultura e Festival diretto da Francisco...

1 su 3