Spaccato della situazione caotica della sanità a Tenerife

Spaccato della situazione caotica della sanità a Tenerife

Terzo mondo è la parola che molti evocano quando attraversano il pronto soccorso di qualsiasi ospedale di Tenerife : pazienti affollati nei corridoi, personale sanitario sopraffatto, scarsa ventilazione, ore di attesa infinite... L'assistenza sanitaria in situazioni critiche e di emergenza continua ad essere la grande questione in sospeso dell’Isola con una popolazione sempre più anziana che finisce per far crollare un servizio così essenziale da lasciare molto a desiderare. E i professionisti affermano che le Emergenze sono attualmente una delle aree peggiori in cui svolgere il proprio lavoro. In questo senso, sono molti i medici, gli infermieri o gli assistenti che riescono a sopportare la pressione di lavorare in tali condizioni solo per pochi mesi.

Interrogati sulla situazione, diversi professionisti si sono offerti di descrivere la loro vita quotidiana in un'intervista a quotidiani locali, nella quale si dicono tutti d'accordo sul peggioramento del caos al pronto soccorso nell'ultimo anno. Un medico dell’Ospedale Universitario delle Isole Canarie (HUC), che, sorprendentemente, lavora al Pronto Soccorso da diversi anni, ammette che mantiene la sua posizione solo perché “ad un certo punto dovrò assistere la famiglia e gli amici”, quindi “ Preferisco essere io ad aiutarli." È appassionato del trambusto delle emergenze mediche, ma ammette che le condizioni attuali dell’ospedale sono deplorevoli: “Siamo tutti molto saturi perché non c’è abbastanza personale e chi accetta di lavorare al pronto soccorso non ha quasi nessuna esperienza. " Infatti, "negli ultimi tre anni più di 20 medici se ne sono andati a causa dello stress, del sovraccarico di lavoro e della bassa retribuzione per i turni straordinari".

I pazienti che si rivolgono urgentemente all’HUC sopportano in media 12 ore di attesa prima che il medico possa finalmente visitarli, anche se “ci sono stati casi fino a 17 ore”. L'intervistato assicura che il sistema di triage dei colleghi infermieri funziona “al momento”, ma dopo quella prima valutazione si forma una sorta di collo di bottiglia che rallenta il sistema fino al collasso. “Prima i picchi di saturazione si percepivano chiaramente durante tutto l'anno, a seconda delle stagioni: maggiore domanda nei mesi invernali; Ora la congestione è continua da un bel po’ di tempo e non sappiamo bene il perché”.

Ciò che questo medico di Tenerife ha ben chiaro è che le condizioni dei lavoratori e dei pazienti sono deplorevoli: “Lo spazio fisico è diventato piuttosto piccolo e i pazienti devono essere distesi in letti in mezzo al corridoio; Nel mio caso, nello specifico, devo lavorare in un ufficio senza ventilazione perché non ha finestre”. Allo stesso modo confessa di provare davvero vergogna quando, per mettersi qualcosa in bocca, attraversa il corridoio pieno di pazienti che aspettano da ore una diagnosi.

 

Sebbene la situazione presso l’Ospedale Universitario Nuestra Señora de Candelaria (HUNSC) sia un po’ più sopportabile, il caos è palpabile. "Disponiamo di infrastrutture degli anni '80 per una popolazione che continua a crescere di pari passo con il numero di turisti che accolgono le Isole", indica un altro medico del Pronto Soccorso La Candelaria, che sottolinea che tra quest'ultimo centro ospedaliero e il Hospital del Sur possono essere assistite circa 400 persone al giorno. "Chiediamo più personale con esperienza in questo settore perché la pressione sulle cure aumenta e abbiamo poco tempo per formare nuovi medici, poiché il servizio richiede costante immediatezza", aggiunge. Inoltre, le condizioni di lavoro continuano ad essere pessime e “i colleghi preferiscono trasferirsi in altri stabilimenti per avere un migliore equilibrio familiare”.

Il problema è simile a quello dell'HUC: mancanza di spazi per accogliere i pazienti, personale con poca esperienza che finisce per chiedere il trasferimento ad un altro servizio, condizioni di lavoro terribili, notevole aumento della domanda di cure... "Quest'anno è stato "Senza dubbio, uno dei peggiori che abbiamo avuto in termini di assistenza ai pazienti", spiega il medico del Pronto Soccorso, che ritiene che ci siano varie cause che convergono in un collasso maggiore, come la stanchezza di molte Canarie con l'incidenza del COVID -19. : “La patologia è ancora presente e osserviamo un aumento delle malattie vascolari”.

Il Pronto Soccorso La Candelaria conta attualmente circa 20 persone distribuite nei corridoi, vuoi per la mancanza di infrastrutture, vuoi per i cosiddetti pazienti dimessi amministrativamente che continuano ad essere ospitati nelle strutture perché privi di familiari che possano prendersi cura di loro. di loro. A questo proposito «abbiamo un paziente che ogni notte viene in ospedale per dormire: alle 6 del mattino si pulisce, raccoglie le sue cose ed esce per rientrare la notte». “Siamo umani e non possiamo lasciarlo per strada”, conclude.

Prova di questo crollo sono le continue denunce pubblicate dagli isolani sul social network, che hanno dovuto fare i conti non solo con un improvviso problema sanitario, ma con la già citata precarietà di entrambi i centri ospedalieri. “Caos assoluto al pronto soccorso dell’HUC: 35 anni di contributi della previdenza sociale per avere i corridoi saturati di anziani”, ha condiviso la settimana scorsa un utente, provocando un acceso dibattito su una piattaforma perché “la salute pubblica è in rovina”. A La Candelaria la situazione è simile a quella descritta: "L'altro giorno ero al pronto soccorso della Candelaria e sembrava un film di guerra", "intanto la sala d'attesa del pronto soccorso è una caserma", ecc.

Torna al blog
  • Cabildo de Tenerife attiva misure livello 2 per prevenire gli incendi

    Cabildo de Tenerife attiva misure livello 2 per...

    Il Cabildo di Tenerife metterà in atto azioni di livello 2 per la prevenzione degli incendi boschivi, considerando le condizioni meteorologiche che prevedono temperature fino a 34 gradi. Di conseguenza è vietata...

    Cabildo de Tenerife attiva misure livello 2 per...

    Il Cabildo di Tenerife metterà in atto azioni di livello 2 per la prevenzione degli incendi boschivi, considerando le condizioni meteorologiche che prevedono temperature fino a 34 gradi. Di conseguenza è vietata...

  • Caldo oggi nelle Isole temperature fino a 38 gradi a Gran Canaria

    Caldo oggi nelle Isole temperature fino a 38 gr...

    Le temperature massime questo mercoledì potrebbero raggiungere i 38º C nelle vette e nell'entroterra del sud di Gran Canaria, mentre nel resto delle isole oscilleranno tra 32 e 34º C,...

    Caldo oggi nelle Isole temperature fino a 38 gr...

    Le temperature massime questo mercoledì potrebbero raggiungere i 38º C nelle vette e nell'entroterra del sud di Gran Canaria, mentre nel resto delle isole oscilleranno tra 32 e 34º C,...

  • Non solo papas arrugadas in un ristorante a Tenerife:cocaina marijuana

    Non solo papas arrugadas in un ristorante a Ten...

    Gli agenti della Polizia Nazionale hanno smantellato un punto vendita di droga nel sud di Tenerife che operava all'interno di un ristorante nella località di Arona . I detenuti avrebbero approfittato dell'attività legale del ristorante per...

    Non solo papas arrugadas in un ristorante a Ten...

    Gli agenti della Polizia Nazionale hanno smantellato un punto vendita di droga nel sud di Tenerife che operava all'interno di un ristorante nella località di Arona . I detenuti avrebbero approfittato dell'attività legale del ristorante per...

1 su 3