Una tradizione ancestrale che vive ancora nel nord di Tenerife

Una tradizione ancestrale che vive ancora nel nord di Tenerife

C'è un angolo del Nord che conserva una tradizione ancestrale che risale a quando l'acutezza umana cominciò a cercare il modo di sfruttare al meglio ciò che anche il mare offriva. 

Una tradizione che probabilmente si sarebbe già estinta se un gruppo di donne non avesse deciso di continuare a raccogliere il sale che si forma in alcune piscine naturali nella zona di Caleta de Interián, nel comune di Los Silos.  

Sono poche le famiglie che ancora oggi svolgono questa attività per un interesse più sentimentale che economico. Anche se oggi si sono aggiunti alcuni uomini, sono state tradizionalmente le donne ad occuparsi dell'intero processo per ottenere, dall'evaporazione dell'acqua del mare, il sale, che avevano precedentemente depositato con secchi sulle cosiddette lastre, nome con il quale sono chiamati questi buchi di roccia vulcanica situati sulla costa. Il sale risultante dal processo di evaporazione, che dura solitamente una quindicina di giorni, viene raccolto e versato negli essiccatoi. Una volta asciutto, viene pulito per eliminare eventuali elementi estranei rimasti. 

Candelaria Méndez, detta Inmaculada, realizza da più di 30 anni tutto questo lavoro, che consiste anche nel mantenere le pozzanghere in condizioni ottimali affinché possano produrre il sale migliore, privo di impurità. « Non tutte le lastre sono uguali, ci sono rocce che non forniscono sale. La sua ubicazione e, soprattutto, il calore che riceve, sono fattori fondamentali. Senza sole non c'è sale . Lei stessa ha potuto constatare come negli ultimi anni si sia verificato un innalzamento del livello del mare che ha influito anche sulla situazione dei lastroni. Queste cavità naturali vengono ampliate attraverso la costruzione di piccoli muri di contenimento tradizionalmente realizzati con una miscela di acqua di mare, fango, sabbia e cenere. In questo modo si evitano perdite d'acqua e l'acqua ristagna favorendone l'evaporazione.

Per quanto riguarda la proprietà di questi spazi da sfruttare, essi sono sotto il dominio dei Costas, ma il valore tradizionale si tramanda di generazione in generazione e si mantiene il rispetto per la "proprietà" della famiglia che la sfrutta da anni. In origine il sale ottenuto veniva portato in altri comuni dove, fino alla seconda metà del XX secolo, si praticava il baratto come mezzo di sussistenza. Luoghi costieri come La Caleta de Interián portavano pesce e, in questo caso, sale, mentre quelli dell'interno si scambiavano prodotti agricoli e animali.

Il sistema del baratto nelle Isole Canarie risale agli aborigeni che già si scambiavano tra loro prodotti come cereali, noci, il sale di cui parliamo oggi, pelli, ecc. Con l'arrivo dei conquistatori questa attività continuò, incorporando altri prodotti come zucchero, tessuti, ecc. Il suo apice arrivò nei secoli XIX e XX quando divenne un sistema di scambio tra le persone che vivevano sulla vetta dove si trovavano i sentieri di collegamento tra il Nord e il Sud. Per ricordare questa tradizione, ogni anno a Santiago del Teide l'attività di salvataggio etnografico denominata Al paso de la summit, con la partecipazione di oltre 100 comparse vestite con costumi d'epoca che mettono in scena lo scambio di prodotti e servizi tra le diverse zone dell'Isola.

La produzione del sale a La Caleta è completamente artigianale, a differenza di quella prodotta su altre isole dove vengono utilizzati macchinari. Un'altra differenza è la sua origine, mentre il sale del nord di Tenerife proviene dalle piscine naturali, le saline di Lanzarote, ad esempio, iniziarono a essere sfruttate nel XV secolo con la conquista castigliana, che portò la cultura del sale dal sud di Tenerife in Spagna e Portogallo. Fu allora che furono costruite le prime miniere di sale in quella che era un'antica laguna salata nel nord dell'isola.

I benefici di questo tipo di sale sono innumerevoli. Poiché proviene dall'acqua di mare, è un prodotto completamente naturale che si ottiene grazie all'evaporazione solare, quindi conserva tutte le sue proprietà e non è coinvolto alcun processo chimico. Nella composizione dell'acqua di mare ci sono fino a 80 oligoelementi, motivo per cui ciò che viene estratto in questo modo naturale ha una composizione così ricca. Il suo alto contenuto di minerali lo rende perfetto anche per alleviare le patologie cutanee, motivo per cui è ampiamente utilizzato per calmare le irritazioni, migliorare la circolazione e alleviare i fastidi della pelle. Candelaria è consapevole di tutti questi benefici del prodotto che la roccia marina ci offre in combinazione con il mare e, quindi, sente una grande responsabilità quando si tratta del suo consumo. "Voglio che il suo utilizzo sia vantaggioso per la salute delle persone, quindi a volte mi sono opposto a venderlo per qualcosa che non ha nulla a che fare con la cura personale, come per essiccare la carne o altri usi simili", sottolinea Candelaria.

 

Torna al blog
  • Sequestrati a Tenerife 2016 chili di angurie importate illegalmente

    Sequestrati a Tenerife 2016 chili di angurie im...

    Il Servizio fitosanitario del Ministero dell'Agricoltura, dell'Allevamento, della Pesca e della Sovranità Alimentare del Governo delle Isole Canarie ha sequestrato nell'arcipelago 1.546 chili di angurie provenienti dalla Costa Rica e,...

    Sequestrati a Tenerife 2016 chili di angurie im...

    Il Servizio fitosanitario del Ministero dell'Agricoltura, dell'Allevamento, della Pesca e della Sovranità Alimentare del Governo delle Isole Canarie ha sequestrato nell'arcipelago 1.546 chili di angurie provenienti dalla Costa Rica e,...

  • Rimarcati i pericoli di una dieta ricca di frutti di mare

    Rimarcati i pericoli di una dieta ricca di frut...

    Un gruppo di scienziati del Dartmouth College, un istituto universitario del New Hampshire (USA), ritiene che le persone che seguono una dieta ricca di frutti di mare possono correre il...

    Rimarcati i pericoli di una dieta ricca di frut...

    Un gruppo di scienziati del Dartmouth College, un istituto universitario del New Hampshire (USA), ritiene che le persone che seguono una dieta ricca di frutti di mare possono correre il...

  • Calima e temperature fino a 30ºC questo martedì alle Canarie

    Calima e temperature fino a 30ºC questo martedì...

    L' Agenzia Meteorologica Statale (AEMET) prevede per questo martedì, 16 aprile, cielo sereno, leggera foschia e fino a 30º C su isole come Fuerteventura, Gran Canaria e La Palma. Sul mare ci saranno da est...

    Calima e temperature fino a 30ºC questo martedì...

    L' Agenzia Meteorologica Statale (AEMET) prevede per questo martedì, 16 aprile, cielo sereno, leggera foschia e fino a 30º C su isole come Fuerteventura, Gran Canaria e La Palma. Sul mare ci saranno da est...

1 su 3