Avviato lo sgombero delle tende dalla playa del Marítimo

Avviato lo sgombero delle tende dalla playa del Marítimo

La cosiddetta spiaggia del Parque Marítimo , a Santa Cruz de Tenerife , si è riempita ancora una volta di tende , dopo che in agosto il Comune aveva effettuato una pulizia dei beni e delle capanne della zona, conclusasi con lo sgombero di metà degli occupanti abusivi . . Il Comune ha chiesto la collaborazione del Porto, trattandosi di territorio portuale, e si è impegnato ad avviare le procedure necessarie per la realizzazione lo sgombero

Come ha spiegato il sindaco della Presidenza, il nazionalista Javier Rivero , dopo il tentativo compiuto quest'estate, al quale ha partecipato anche l'Istituto Municipale di Assistenza Sociale (IMAS), di trovare una risorsa abitativa per quelle persone che non avevano un tetto sotto cui dormire, la Società Parque Marítimo ha consultato i Servizi Legali comunali sulle opzioni esistenti. E solo una parte degli occupanti abusivi delle tende aveva deciso di andarsene volontariamente. Gli altri hanno scelto di restare sulla spiaggia, che non è considerata tale nemmeno dal Comune, perché non è una zona balneabile.

Infine, a seguito della valutazione giuridica effettuata e poiché la Società Parque Marítimo y Palmétum è composta dal Comune e dall'Autorità Portuale, si è deciso di inviare una richiesta a quest'ultima per "applicare la norma in detto spazio. " poiché si tratta di un territorio portuale che "viene occupato illegalmente " .

Recentemente, Puertos de Tenerife ha risposto al Concistoro di Chicharrero con un documento in cui stabilisce che "si ritiene opportuno fornire la collaborazione richiesta". «Tenendo conto delle relazioni allegate alla vostra lettera (riferite alla richiesta avanzata dal Comune di Santa Cruz), resta inteso che è opportuno avviare le procedure necessarie per portare a termine un protocollo per il recupero del possesso delle terre che fanno parte del demanio pubblico del porto, che attualmente sono occupati da terzi senza che vi sia titolo legale ", afferma il Porto nella sua risposta.

Il sindaco della Presidenza del comune di Chicharrero sottolinea che la "competenza" e la "responsabilità" in questa materia spetta all'Autorità Portuale di Santa Cruz de Tenerife, quindi "deve essere questo organismo a elaborare il processo necessario davanti al sistema giudiziario ." , affinché avvenga lo sfratto di questo spazio marittimo pubblico 

Torna al blog
1 su 3