Il governo sulla rotta migratoria: "il peggio deve ancora arrivare".

Il governo sulla rotta migratoria: "il peggio deve ancora arrivare".

Il peggio deve ancora venire. Il Governo delle Canarie mette in guardia sull'ondata che arriverà nei prossimi mesi sulla rotta migratoria verso le isole, a tal punto che i record storici di arrivi di imbarcazioni e cayucos dalla costa africana potrebbero essere superati. L'Esecutivo ha inviato lettere urgenti ai ministri degli Esteri, dell'Interno e della Migrazione invitandoli a convocare incontri con la Comunità Autonoma per affrontare uno scenario che può essere “drammatico” e “molto grave”. Il portavoce del governo regionale, Alfonso Cabello, critica che "le canoe arrivano ogni giorno e la pressione è massima, questo problema non può aspettare la formazione del nuovo governo centrale".

Il primo Consiglio direttivo di fine estate apre il percorso politico mettendo sul tavolo le cifre relative agli arrivi di migranti irregolari e minori, cifre che aumentano ogni giorno che passa. Secondo i numeri gestiti dall'Esecutivo, in questo mese di agosto che sta per finire, sono 2.692 i migranti che hanno raggiunto le coste delle Canarie , il doppio rispetto allo stesso mese dell'anno scorso, con 1.075 arrivi. Alle buone condizioni meteo del mare nei mesi estivi e in ottobre si aggiungono però una serie di fattori che incidono sulla crisi che sta attraversando il continente africano. Cabello ha ricordato l' instabilità politica del Senegal, la situazione sempre più grave nel Sahel e la carestia che si sta diffondendo in questa zona a causa dei conflitti armati, degli effetti della siccità e del cambiamento climatico e della guerra in Ucraina.

"Le ONG che lavorano sul territorio in origine ci esprimono la loro preoccupazione di fronte a una nuova ondata molto preoccupante perché vengono utilizzate tutte le rotte possibili per raggiungere le Isole Canarie", ha avvertito il portavoce dell'Esecutivo, che ha chiesto una risposta urgente da parte i ministeri competenti in materia "perché il peggio deve ancora venire".

Dall'inizio di questo nuovo mandato, il Governo non ha mancato di mettere in guardia l'Esecutivo centrale sull'aumento incessante delle imbarcazioni irregolari che arrivano nelle Isole e sui problemi che si stanno accumulando in Africa, soprattutto nella zona del Sahel. "La realtà è che noi avvertiamo, gli arrivi aumentano ma i ministeri non rispondono alle nostre richieste, siamo di fronte all'incertezza di ciò che potrà accadere perché ci dicono che la situazione è complicata", ha aggiunto il portavoce.

Oltre a chiedere incontri urgenti con i ministri José Manuel Albares, Fernando Grande-Marlaska e José Luis Escrivá, l'Esecutivo lancerà anche un gruppo di lavoro con la Croce Rossa, la Commissione spagnola per l'aiuto ai rifugiati (CEAR) e i consigli, attraverso la Fecai, per effettuare una diagnosi della situazione delle Isole Canarie. “Tutti i rapporti e le analisi supportano questa paura. Le ONG che operano nella zona avvertono che la situazione è molto preoccupante e, in questo momento, non possono prevedere la portata della crisi a partire da settembre", aggiunge l'Esecutivo. Il fatto che l'Esecutivo centrale sia in carica "non è una scusa" per "reagire immediatamente per evitare un'altra crisi migratoria nell'Arcipelago, deve assumersi le proprie responsabilità e smettere di guardare dall'altra parte".

mezzi insufficienti

Non si tratta solo di affrontare questo fenomeno nei paesi di origine, ma anche di disporre di mezzi e risorse adeguati per prendersi cura dei migranti. Il Gabinetto regionale denuncia che le carenze di mezzi sono particolarmente gravi a El Hierro e La Gomera, senza che il governo centrale abbia attuato misure per alleviarle. El Hierro è l'isola che ha avuto la maggiore pressione migratoria nel mese di agosto: quasi 1.000 persone, seguita da Lanzarote, Gran Canaria e Tenerife . Infatti, questo mese il 38% di tutti i migranti è arrivato a El Hierro. Tuttavia, l’isola dispone solo di due centri di accoglienza dove adulti e minori devono attendere sovraffollati finché non vengono indirizzati su altre isole.

Nel caso di La Gomera, “lo Stato non ha concesso nessuno spazio per prendersi cura dei migranti. Questa inammissibile mancanza di mezzi ha causato questo mese un gruppo di persone a subire 24 ore di attesa in uno stand nello stesso porto dell'isola”, denunciano la Comunità Autonoma.

Ma se l'arrivo dei migranti è sempre più preoccupante, il flusso di minori migranti satura i servizi e le risorse a disposizione della Comunità Autonoma e dei Comuni che si prendono cura di loro. Sempre avvalendosi di questi dati, Alfonso Cabello ha definito "drammatico" sia l'arrivo di bambini e giovani nelle isole a bordo di imbarcazioni precarie, sia la realtà che il governo delle Canarie e i comuni devono affrontare di fronte all'inerzia delle autorità Stato e dal resto delle comunità autonome non rispettando il principio di solidarietà.

Quest'anno sono arrivati ​​alle Isole 1.598 minori, una cifra che aumenta ogni giorno con ogni barca, cayuco o gommone che arriva alle Isole Canarie , compresi gli oltre 100 di quest'ultima settimana. In totale, sono circa 3.000 i minori assistiti nelle diverse risorse messe a disposizione dall'Esecutivo e dai Comuni di ciascuna isola. D'altra parte, i trasferimenti di minori verso altre comunità sono praticamente inesistenti nonostante gli impegni politici assunti dal governo centrale. Secondo Cabello, nel 2022 ci sono stati solo 17 deferimenti "quando si era concordato che sarebbero stati 340", mentre per quest'anno ne sono stati concordati 342 e finora nessun minore è stato deferito.In due anni e mezzo, solo 346 minori sono stati trasferiti in dodici comunità autonome. Per questo motivo, il portavoce dell'Esecutivo ha contestato che le Isole Canarie "non possono permettere l'abbandono da parte del Governo dello Stato in questa materia".

L'Esecutivo presieduto da Fernando Clavijo ribadisce che gli impegni assunti nella Conferenza settoriale di indirizzare i minori ad altre comunità non sono stati rispettati. Per questo motivo, il Ministro della Previdenza Sociale, Uguaglianza, Gioventù, Infanzia e Famiglie, Candelaria Delgado, ha esortato in una lettera il Ministro in carica dell'Inclusione, della Previdenza Sociale e delle Migrazioni, José Luis Escrivá, a cercare soluzioni urgenti di distribuzione della solidarietà in presa in carico dei minori stranieri non accompagnati nelle diverse comunità autonome.

Torna al blog
  • Cabildo de Tenerife attiva misure livello 2 per prevenire gli incendi

    Cabildo de Tenerife attiva misure livello 2 per...

    Il Cabildo di Tenerife metterà in atto azioni di livello 2 per la prevenzione degli incendi boschivi, considerando le condizioni meteorologiche che prevedono temperature fino a 34 gradi. Di conseguenza è vietata...

    Cabildo de Tenerife attiva misure livello 2 per...

    Il Cabildo di Tenerife metterà in atto azioni di livello 2 per la prevenzione degli incendi boschivi, considerando le condizioni meteorologiche che prevedono temperature fino a 34 gradi. Di conseguenza è vietata...

  • Caldo oggi nelle Isole temperature fino a 38 gradi a Gran Canaria

    Caldo oggi nelle Isole temperature fino a 38 gr...

    Le temperature massime questo mercoledì potrebbero raggiungere i 38º C nelle vette e nell'entroterra del sud di Gran Canaria, mentre nel resto delle isole oscilleranno tra 32 e 34º C,...

    Caldo oggi nelle Isole temperature fino a 38 gr...

    Le temperature massime questo mercoledì potrebbero raggiungere i 38º C nelle vette e nell'entroterra del sud di Gran Canaria, mentre nel resto delle isole oscilleranno tra 32 e 34º C,...

  • Non solo papas arrugadas in un ristorante a Tenerife:cocaina marijuana

    Non solo papas arrugadas in un ristorante a Ten...

    Gli agenti della Polizia Nazionale hanno smantellato un punto vendita di droga nel sud di Tenerife che operava all'interno di un ristorante nella località di Arona . I detenuti avrebbero approfittato dell'attività legale del ristorante per...

    Non solo papas arrugadas in un ristorante a Ten...

    Gli agenti della Polizia Nazionale hanno smantellato un punto vendita di droga nel sud di Tenerife che operava all'interno di un ristorante nella località di Arona . I detenuti avrebbero approfittato dell'attività legale del ristorante per...

1 su 3