Le onde hanno costretto a chiudere diverse playas nel sud di Tenerife

Le onde hanno costretto a chiudere diverse playas nel sud di Tenerife

Le forti onde che si sono abbattute ieri sulla costa delle Isole Canarie hanno costretto alla chiusura di diverse spiagge nel sud di Tenerife . L'Agenzia Meteorologica Statale ( Aemet ) ha mantenuto l'allerta gialla ieri a causa di fenomeni costieri avversi, con raffiche di vento che hanno raggiunto anche i 60 chilometri orari nel sud dell'Isola.

Le spiagge dove sventolava bandiera rossa sono state quelle di El Camisón, ad Arona, e La Tejita, a Granadilla, il cui litorale è stato interessato nei giorni scorsi dalla presenza di cianobatteri.

Precisamente, nel bel mezzo dell'ondata di caldo sofferta dalle Isole Canarie , ci sono state diverse spiagge dove era vietata la balneazione , vuoi per le onde, come nel caso di El Camisón e La Tejita, vuoi per la scarsa qualità dell'acqua 

Ieri mattina si è vista anche la costa di Santa Cruz de Tenerife interessata dalla presenza di una macchia di microalghe che ha obbligato la chiusura della spiaggia di Valleseco . Tuttavia verso le tre del pomeriggio è stata riaperta, facendo diventare gialla la bandiera.

Secondo il Cecopal del capoluogo isolano, "i servizi municipali e di Protezione Civile insieme alla Croce Rossa confermano che la macchia di microalghe e tracce di idrocarburi sulla costa del Valleseco si è dissipata " quindi la balneazione è consentita con cautela nella spiaggia di El Bloque Acapulco.

Una situazione simile si era verificata con le spiagge di El Médano. Il consiglio comunale di Granadilla ieri pomeriggio ha riaperto tre zone balneari, Playa Chica e le spiagge centrali e Leocadio Machado, a El Médano , chiuse questo venerdì a causa degli scarichi di acque reflue . "I livelli indicavano che la qualità dell'acqua era ritornata adatta alla balneazione", così citava la comunicazione rilasciata dal Concistoro.

Torna al blog
1 su 3