Ormai il litro di olio più economico si aggiri intorno ai 7 euro

Ormai il litro di olio più economico si aggiri intorno ai 7 euro

"Alla fine dovremo friggere con l'acqua", c'è da chiedersi  mentre guardando lo  scaffale dell'olio d'oliva nel nostro supermercato di fiducia. Il litro della marca che viene solitamente acquistato è pericolosamente vicino ai 9 euro, e l'opzione più economica, l'etichetta bianca , costa praticamente 7 euro. A giudicare dai dati sui prezzi alla fonte elaborati da  Infooliva (Federazione spagnola dei produttori industriali di olio d'oliva) ,  l'olio d'oliva vergine, è diventato più caro del 10% nell'ultimo mese, ma da marzo ha accumulato un aumento del 75%. 

“La situazione è estremamente semplice, l'unico problema è la  mancanza di produzione ; Abbiamo avuto un raccolto molto basso e questo sta influenzando la prossima campagna, quella che inizierà ad ottobre, affinché sarà anch'essa molto bassa", contestualizza il presidente  del settore olio d'oliva delle cooperative agroalimentari spagnole, Rafael Sánchez de Puerta . “C’è una carenza di disponibilità dei prodotti e, come in tutte le attività, quando l’offerta diminuisce, la domanda deve essere adeguata”, sottolinea, precisando che l’aumento estremo delle ultime settimane coincide con il momento in cui la disponibilità dei prodotti è stata ridotta a causa degli effetti di  due anni consecutivi di siccità

La soluzione? Nel breve termine, solo  aspettando che piova . Nel medio termine, secondo quest'ultimo esperto, stabilire una  chiara politica di irrigazione  e prevenzione delle  conseguenze del cambiamento climatico . Per il responsabile Olivar dell'Unione  dei Piccoli Agricoltori e Allevatori , la risposta deve coinvolgere l'amministrazione nel garantire il rispetto delle norme, creando un  " indice dei costi di produzione  reale, agile e flessibile in base alle condizioni del momento". ” e per la creazione di un  osservatorio dei margini commerciali . 

Torna al blog
1 su 3