Un incendio mai visto alle Canarie

Un incendio mai visto alle Canarie

Quello che era iniziato come un incendio ad Arafo e Candelaria è diventato un incendio mai visto prima nelle Isole Canarie . L'incendio, che ha già colpito La Orotava, El Rosario, Santa Úrsula, La Victoria e i due comuni summenzionati e sta avanzando ferocemente nel nord di Tenerife.

Il segno che viene appeso al fuoco è dovuto alla convezione che si è generata nelle oltre 30 ore di attività che il fuoco accumula, come spiegato dal fisico e meteorologo Vicky Palma durante il briefing.

Questo perché "la colonna del fuoco si è trovata tra i 3 ei 6 chilometri sul livello del mare, anche di notte, cosa non usuale. Si inclina solo quando raggiunge zone alte, il che ha causato l'annuvolamento del cielo". di Santa Cruz o La Laguna ".

La vera preoccupazione sta nel tempo, poiché l'incendio " sta generando le proprie condizioni meteorologiche , che interessano i luoghi vicini . La colonna di fumo solleva particelle dal suolo e queste cadono attorno alla colonna. Le scintille più vicine cadono ancora sul fuoco, che può causare piccoli focolai al di fuori dell'incendio principale".

Le previsioni al riguardo non sono rosee, e Palma assicura che " con le condizioni meteorologiche che abbiamo oggi pensiamo che questa convezione possa ripetersi per tutta la giornata e causare problemi come nelle ultime ore".

Si sta espandendo a un ritmo allarmante.

La presidente del Cabildo de Tenerife, Rosa Dávila, ha riferito sul terreno che l'incendio ha già consumato più di 2.600 ettari e ha un perimetro di 31 chilometri.

Dávila ha riferito che si sta lavorando sodo alla testa dell'incendio, " dove è stato più attivo durante la notte, così come a La Orotava , dove stiamo procedendo con l' evacuazione nell'area di La Florida e realizzando un tagliafuoco su il fianco sinistro”.

 

Torna al blog
1 su 3