Ecco com'era la spiaggia di Las Teresitas di Tenerife nel 1960

Ecco com'era la spiaggia di Las Teresitas di Tenerife nel 1960

Il  15 giugno 1973  fu aperta al pubblico la prima e unica spiaggia artificiale di Santa Cruz . Nacque  la spiaggia Las Teresitas , dopo 20 anni di preparazione di un progetto per trasformare quelle che in realtà erano tre spiagge collegate tra loro, era divisa in tre parti che gli abitanti identificavano con nomi diversi.

La più vicina al Borgo di San Andrés , Tras la arena, dove ancora oggi si trova l'antico cimitero di San Andrés. Quella parte della spiaggia era una piccola zona di sabbia nera, che oggi, se si visita il cimitero, si riesce addirittura ad intravedere. La seconda parte, quella centrale, era conosciuta come Los Moros. In questa zona esisteva un palazzo appartenuto alla  principessa Diana d'Orleans , figlia dei conti di Parigi, e al duca Carlo di Württemberg, figlio di Filippo Alberto, duca di Württemberg . E infine la zona situata nel Barranco de Las Teresas, parte che ha dato origine al suo nome dopo la ristrutturazione. 

Il gruppo Facebook Vecchie Foto di Tenerife ha mostrato un'immagine della spiaggia nel 1960, cioè prima che fosse conosciuta come spiaggia Las Teresitas , in cui si vedono le rocce, la sabbia nera e la mancanza di frangiflutti perché quella parte della la costa era considerata pericolosa.

LA SPIAGGIA DI LAS TERESITAS ERA PERICOLOSA

Gli abitanti della zona dicono che quella era una spiaggia pericolosa, dove l'acqua colpiva forte le pietre. Ricordano a conferma, che diverse persone morirono addirittura; Per il suo orientamento, la forza dell'acqua e del vento caratteristica  da sempre di questa questa spiaggia.

Rigenerare la nuova spiaggia e ricoprirne quasi un chilometro e mezzo di lunghezza con sabbia vulcanica era troppo costoso a causa della sua scarsità. Per questo il Comune chiese un prestito di 50 milioni di pesetas (più di 300mila euro) per l'acquisto della sabbia che avrebbe ricoperto la spiaggia originaria.

I primi lavori sulla spiaggia di Las Teresitas iniziarono nel 1968 e consistevano nella costruzione di due frangiflutti laterali, un frangiflutti e un gradino tagliante in mare che avrebbe avuto il compito di contribuito a preservare la conservazione della nuova sabbia gialla.

Durante i primi sei mesi del 1973, le pietre della spiaggia furono sostituite da cinque milioni di sacchi di sabbia bionda (270.000 tonnellate) importati direttamente dal deserto del Sahara a bordo della nave Gopegui. Il 15 giugno dello stesso anno la spiaggia fu aperta al pubblico.

Gli abitanti della zona raccontano che, inizialmente, la gente aveva paura di calpestare la sabbia, poiché credevano che la sabbia, provenendo dal Sahara, conteneva anche scorpioni e formiche rosse. Nel 1998, 25 anni dopo la sua inaugurazione, 2.800 tonnellate di sabbia furono nuovamente importate dal Sahara per sostituire quella fino ad allora perduta.

Torna al blog
  • Venti fino a 70 km/h sulle cime e nel sud-ovest a Tenerife

    Venti fino a 70 km/h sulle cime e nel sud-ovest...

    Secondo l' Agenzia Meteorologica Statale  (Aemet), questo sabato alle Canarie ci saranno venti da nord-est fino a 70 km/h sulle cime e nel sud-ovest In mare ci saranno venti sulle coste nord-ovest e sud-est, nord-est  forza...

    Venti fino a 70 km/h sulle cime e nel sud-ovest...

    Secondo l' Agenzia Meteorologica Statale  (Aemet), questo sabato alle Canarie ci saranno venti da nord-est fino a 70 km/h sulle cime e nel sud-ovest In mare ci saranno venti sulle coste nord-ovest e sud-est, nord-est  forza...

  • Addio al DNI per volare con Binter: arriva il riconoscimento facciale

    Addio al DNI per volare con Binter: arriva il r...

    La compagnia aerea  Binter  ha lanciato un sistema di biometria facciale che faciliterà i processi di imbarco dei suoi passeggeri. Questa nuova funzionalità è del tutto volontaria e permette al viaggiatore di superare...

    Addio al DNI per volare con Binter: arriva il r...

    La compagnia aerea  Binter  ha lanciato un sistema di biometria facciale che faciliterà i processi di imbarco dei suoi passeggeri. Questa nuova funzionalità è del tutto volontaria e permette al viaggiatore di superare...

  • Carnival 2024 di Tenerife ha generato entrate per 39 milioni di euro

    Carnival 2024 di Tenerife ha generato entrate p...

    Il Carnevale di Santa Cruz de Tenerife 2024 ha battuto tutti i record e passerà alla storia come l'edizione più partecipativa tra tutte quelle che si sono svolte negli ultimi anni. Più di...

    Carnival 2024 di Tenerife ha generato entrate p...

    Il Carnevale di Santa Cruz de Tenerife 2024 ha battuto tutti i record e passerà alla storia come l'edizione più partecipativa tra tutte quelle che si sono svolte negli ultimi anni. Più di...

1 su 3